Risoluzione dei problemi relativi al salvataggio di documenti

Salvataggio dei documenti in formato Microsoft Word

MostraIl documento è stato salvato ma le modifiche sono scomparse

  • Il documento è stato aperto in rete    Se un documento è memorizzato in un server di rete e lo si salva scegliendo Esci dal menu File, è possibile che venga salvata una copia del documento nel disco rigido invece che nel server. Alla riapertura del documento le modifiche non verranno visualizzate in quanto sono state salvate esclusivamente nella copia memorizzata nel disco rigido. Per evitare di salvare le modifiche in una copia distinta del documento, utilizzare il comando Salva del menu File prima di chiudere Word.
  • Le modifiche sono state salvate utilizzando il salvataggio automatico ma non sono presenti nel file di recupero    È possibile che al momento dell'arresto di Word le modifiche non fossero ancora state salvate automaticamente nel file di recupero. La quantità di informazioni nuove memorizzate nel file di recupero dipende dalla frequenza con cui questo viene salvato. Se ad esempio il file di recupero viene salvato ogni 15 minuti, è possibile che in occasione di un'interruzione di corrente o di un problema analogo vengano perduti fino a 15 minuti di lavoro. Per modificare l'intervallo tra due salvataggi automatici consecutivi, immettere un valore nella casella minuti della scheda Salva, accessibile scegliendo Opzioni dal menu Strumenti.

MostraQuando si tenta di salvare un documento viene visualizzato un messaggio indicante che il file è di dimensioni eccessive

  • Se il documento è troppo grande e non è possibile salvarlo, è possibile suddividerlo in documenti più piccoli. Tagliare una parte del documento e incollarla in un nuovo documento, quindi salvare ciascun documento separatamente. Per stampare i file in sequenza, utilizzare i campi INCLUDETEXT per collegare i documenti.
  • Convertire il documento in un documento master e salvare i singoli componenti come documenti secondari.

MostraQuando si tenta di salvare le modifiche apportate ad un documento, un messaggio indica che il documento è di sola lettura

Non è possibile modificare un documento aperto come file di sola lettura. Per salvare le modifiche, è necessario salvare il documento con un nuovo nome. È possibile utilizzare lo stesso nome solo se si salva il documento in una cartella diversa o nuova.

Salvataggio dei documenti in altri formati file

MostraNella casella Tipo file non è disponibile il formato di file che si desidera utilizzare per il salvataggio del documento

  • Assicurarsi che il formato di file desiderato sia disponibile in Microsoft Word.
  • È possibile che durante il programma di installazione non sia stato installato il convertitore. Se il formato file desiderato è disponibile in Word, sarà possibile installare il convertitore necessario.

MostraDopo il salvataggio del documento in formato RTF l'icona bitmap non viene più visualizzata

Quando in un documento di Word si inserisce una bitmap come file collegato, si visualizza la bitmap come icona e quindi si salva il documento in formato RTF, al posto dell'icona verrà visualizzata la bitmap stessa. Per verificare che la bitmap venga visualizzata come icona anche nella versione del documento in formato RTF, selezionare la casella di controllo Visualizza come icona e deselezionare la casella di controllo Collega al file (scegliere Oggetto dal menu Inserisci e quindi selezionare la scheda Crea da file).

Recupero delle modifiche non salvate tramite la funzione di salvataggio automatico

MostraDopo aver attivato la funzione di salvataggio automatico risulta impossibile salvare o aprire un file recuperato

  1. Avviare Word.
  2. Scegliere Apri Icona del pulsante.
  3. Individuare la cartella contenente i file di recupero; in genere si tratta della cartella Documents and Settings\nomeutente\Dati applicazioni\Microsoft\Word.
  4. Nella casella Tipo file fare clic su Tutti i file.

Ogni file recuperato viene denominato "Salvataggio automatico di nome file" e ha l'estensione .asd.

  1. Aprire il file recuperato.
  2. Scegliere Salva Icona del pulsante.
  3. Nella casella Nome file digitare il nome del documento esistente oppure selezionarlo.
  4. Quando viene chiesto se si desidera sostituire il documento esistente, scegliere .

I file recuperati ma non salvati verranno eliminati all'uscita da Word.

MostraSuggerimento

È possibile trovare in modo rapido i documenti recuperati automaticamente mediante la finestra di dialogo Cerca file, accessibile facendo clic su Strumenti nella finestra di dialogo Apri, quindi su Cerca. Utilizzare la proprietà Nome file e digitare Salvataggio automatico di*.* nella casella Valore.

MostraIl file di recupero non contiene le modifiche precedentemente apportate

La quantità di informazioni nuove memorizzate nel file di recupero dipende dalla frequenza con cui questo viene salvato. Se ad esempio il file di recupero viene salvato ogni 15 minuti, è possibile che in occasione di un'interruzione di corrente o di un problema analogo vengano perduti fino a 15 minuti di lavoro. Per modificare l'intervallo tra due salvataggi automatici consecutivi, immettere un valore nella casella minuti nella scheda Salva della finestra di dialogo Opzioni (menu Strumenti).

MostraDove vengono memorizzati i file di recupero quando la funzione di salvataggio automatico è attiva?

  • Potrebbe essere necessario aprire direttamente il file di recupero    In genere, quando la funzione di salvataggio automatico è attiva, i file recuperati vengono aperti automaticamente quando si riavvia Word dopo un arresto dovuto a un'interruzione di corrente o a un altro problema. Se, tuttavia, per qualche ragione il file di recupero non viene aperto automaticamente, è possibile farlo manualmente. Per impostazione predefinita, il file viene memorizzato nella cartella Documents and Settings\nomeutente\Dati applicazioni\Microsoft\Word. Se la posizione dei file di recupero è stata modificata, controllare la nuova posizione nella scheda Directory predefinite, accessibile scegliendo Opzioni dal menu Strumenti.
  • È possibile che il file di recupero non sia ancora stato creato    Per impostazione predefinita, il file di recupero viene creato 10 minuti dopo l'apertura del documento. Se l'arresto di Word o del computer avviene prima della creazione del file, non sarà possibile recuperare automaticamente le modifiche effettuate. Per fare in modo che il salvataggio automatico delle modifiche avvenga con maggiore frequenza, è possibile cambiare la durata dell'intervallo tra due salvataggi automatici consecutivi.
  • È possibile che il file di recupero non sia stato salvato prima della chiusura    Se viene chiuso senza essere salvato, il file di recupero viene eliminato. Dopo la chiusura del file di recupero non sarà possibile recuperare le modifiche non salvate.
  • È possibile che il file di recupero sia stato eliminato    I file di recupero hanno estensione asd. Dopo l'eliminazione del file di recupero non sarà possibile recuperare automaticamente le modifiche apportate.
  • È possibile che il documento originale sia un documento master    Con Word è possibile creare file di recupero per singoli documenti secondari, ma non per i documenti master.
  • È possibile che al momento dell'arresto di Word o del computer si stesse utilizzando Visual Basic Editor per modificare una macro    La funzione di salvataggio automatico crea un file di recupero solo se il documento è stato modificato durante la sessione corrente. Le modifiche a un documento aperto con Word effettuate tramite Microsoft Visual Basic Editor non vengono rilevate come tali. Per fare in modo che venga creato un file di recupero che includa le modifiche alle macro apportate tramite Visual Basic Editor, effettuare una modifica nel documento di Word, ad esempio aggiungendo ed eliminando un ritorno a capo.

Denominazione dei documenti

MostraQuando si salva un documento, il file viene salvato con un estensione del file aggiuntiva

Quando si salva un documento con un'estensione diversa da quella predefinita per il tipo di file, l'estensione predefinita viene aggiunta al nome del file. Il nome del file di un documento di Word, ad esempio, potrebbe essere visualizzato come Bilancio.abc.doc. Per salvare un documento con un'estensione diversa da quella predefinita per quel tipo di file, è necessario racchiudere l'intero nome del file fra virgolette, ad esempio "Bilancio.abc".

MostraIl nome del file salvato contiene due punti

Quando si salva un documento con un nome che finisce con un punto, ad esempio Vendite., al nome del file vengono aggiunti un secondo punto e l'estensione predefinita. Il nome di un documento di Word, ad esempio, può essere visualizzato come Vendite..doc. Per salvare un documento con l'estensione predefinita per quel tipo di file, non digitare alcun punto dopo il nome del file. Il punto viene aggiunto automaticamente quando si salva il file.

L'estensione è necessaria per identificare il tipo di file e quale programma si dovrebbe utilizzare per aprirlo.

MostraAl salvataggio del documento viene segnalato che esiste un documento con lo stesso nome

È possibile che Word stia eseguendo il salvataggio automatico in background. Se la casella di controllo Consenti salvataggio in background è selezionata (menu Strumenti, finestra di dialogo Opzioni, scheda Salva) e durante l'esecuzione del salvataggio in background si prova a salvare un documento di grandi dimensioni, verrà utilizzato lo stesso nome di file per entrambe le operazioni di salvataggio. Attendere che il salvataggio in background sia terminato, quindi salvare il documento. Quando viene effettuato il salvataggio in background, nella barra di stato viene visualizzata un'icona a forma di dischetto lampeggiante.

 
 
Si applica a:
Word 2003