Requisiti per l'invio di modelli di Microsoft Office PowerPoint 2007

 Importante    In questo articolo sono disponibili linee guida e procedure consigliate destinate ai partner Microsoft che desiderano creare modelli di Microsoft Office PowerPoint 2007 conformi ai requisiti di pubblicazione per la sezione Modelli del sito Web Microsoft Office Online. Per informazioni su come creare, modificare o applicare i modelli, vedere Informazioni sui modelli

Oltre ai requisiti di installazione, in questo articolo vengono descritte le caratteristiche e le opzioni comunemente utilizzate per creare i modelli di Microsoft Office PowerPoint 2007.

Quando si creano modelli, è consigliabile essere a conoscenza di alcune importanti considerazioni relative al contenuto da pubblicare e ai potenziali destinatari. Prima di inviare un modello per la pubblicazione online, è consigliabile leggere Informazioni necessarie per la creazione di un modello e Linee guida per la creazione di modelli di semplice utilizzo (Accesso facilitato).

Contenuto dell'articolo


Requisiti di installazione

Assicurarsi che il computer utilizzato per creare e testare i modelli soddisfi i requisiti specifici dell'applicazione e del sistema operativo indicati di seguito.

Requisiti del sistema operativo

  • Per motivi di sicurezza, verificare che le impostazioni di sicurezza consigliate per il sistema operativo siano attivate e che il software antivirus in uso sia aggiornato.
  • Verificare che la lingua utilizzata per la creazione di un modello corrisponda a quella utilizzata per il sistema operativo e per PowerPoint 2007.

Requisiti dell'applicazione

  • Utilizzare solo un'installazione pulita di PowerPoint 2007, ad esempio un'installazione senza tipi di carattere aggiuntivi o componenti aggiuntivi. In questo modo, è possibile garantire il funzionamento del modello con la maggior parte dei computer dei clienti.
  • Utilizzare le opzioni predefinite di impostazione della pagina di PowerPoint 2007. In questo modo, è possibile consentire alla maggior parte dei clienti di visualizzare e stampare i modelli senza problemi.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Informazioni sui modelli di PowerPoint 2007

I modelli di PowerPoint 2007 possono contenere immagini e testo di esempio che gli utenti possono utilizzare come punto di partenza per creare, ad esempio, attestati, certificati e calendari. In PowerPoint 2007 utilizzare i temi per creare schemi diapositiva, layout e diapositive di esempio per i modelli.

Temi dei documenti di Microsoft Office System 2007

Un tema del documento è composto da un insieme di colori, tipi di caratteri ed effetti del tema. Ogni documento creato utilizzando PowerPoint 2007, Microsoft Office Word 2007 o Microsoft Office Excel 2007 include un tema, anche i nuovi documenti vuoti. I temi contengono inoltre uno schema e uno sfondo della diapositiva da utilizzare in PowerPoint 2007. Il tema predefinito è il tema di Office, con lo sfondo bianco e i colori scuri e tenui. Quando si applica un nuovo tema, il tema di Office viene sostituito dal nuovo aspetto, ad esempio lo sfondo scuro e i colori luminosi del tema Metro. Tutto il contenuto, ad esempio testo, tabelle ed elementi grafici SmartArt, deve essere collegato dinamicamente al tema, in modo che modificando il tema venga automaticamente modificato l'aspetto del contenuto.

Quando le diapositive di esempio e gli schemi diapositiva vengono creati utilizzando i temi, la modifica del tema della presentazione non comporta solo la modifica del colore di sfondo, ma anche quella di colori, stili e tipi di caratteri di diagrammi, tabelle, grafici, forme e testo inclusi nella presentazione.

I temi dei documenti sono condivisi nelle applicazioni di Office, per garantire un aspetto coerente di tutti i documenti di Office. È possibile, ad esempio, applicare lo stesso tema a una presentazione di PowerPoint 2007, un documento di Word 2007 e un foglio di calcolo di Excel 2007.

Differenza tra temi e modelli

I temi sono visualizzati nella raccolta Temi. Sebbene un tema possa essere un tipo di file autonomo, con estensione thmx, a ogni presentazione (file con estensione pptx) o modello (file con estensione potx) creato utilizzando PowerPoint 2007 è applicato un tema. I temi non contengono testo o grafica per le singole diapositive, bensì colori, tipi di carattere, effetti, sfondi, schemi diapositiva e layout diapositiva del tema. I temi si applicano a tutte le parti di una presentazione, inclusi testo e dati.

Quando è necessario disporre di un documento da utilizzare come "punto di partenza", ovvero una presentazione con diapositive con contenuto di esempio, creare un modello (file con estensione potx). Oltre agli elementi del tema personalizzabili inclusi nel modello, ad esempio schemi e layout per la formattazione delle diapositive, un modello può contenere diapositive di esempio con testo e grafica.

Confronto tra le caratteristiche della struttura delle diapositive di PowerPoint 2003 e PowerPoint 2007

In PowerPoint 2003 per modificare l'aspetto della presentazione, ad esempio il tipo e la dimensione dei punti elenco, i colori e gli effetti di riempimento per lo sfondo e le dimensioni e le posizioni dei segnaposto, è necessario aprire il riquadro attività Struttura diapositiva e applicare un "modello struttura". In PowerPoint 2007, per ottenere lo stesso risultato, si applica un tema. La raccolta Temi nella scheda Progettazionedella barra multifunzione della versione 2007 sostituisce il riquadro attività Struttura diapositiva della versione 2003.

Un modello di PowerPoint 2003 può contenere una o più strutture diapositiva (in base al numero di schemi). Anche un modello di PowerPoint 2007 può contenere più schemi e ognuno di essi viene visualizzato come voce separata nel gruppo Temi. Un modello di PowerPoint 2007 può tuttavia contenere un solo tema completo (un set di colori, tipi di carattere, effetti e un gruppo di sfondi).

In PowerPoint 2003 le strutture diapositiva includono set di combinazioni di colori specifici che funzionano solo in PowerPoint. In PowerPoint 2007 , i colori, i tipi di carattere e gli effetti del tema funzionano anche con Word 2007 ed Excel 2007. Le strutture diapositive di PowerPoint 2003 (dette anche "modelli struttura" nel prodotto) rappresentano una soluzione rapida e accattivante e l'utilizzo di temi offre diverse opzioni che consentono di passare rapidamente da un tema a un altro, applicando immediatamente alla presentazione un aspetto completamente diverso.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Progettazione di diapositive utilizzando temi, colori, tipi di carattere, effetti e stili di sfondo

In questa sezione vengono illustrate le opzioni comunemente utilizzate nella scheda Progettazione della barra multifunzione di PowerPoint 2007.

Temi

È possibile applicare un tema del documento a tutte le diapositive, solo a diapositive selezionate o allo schema diapositiva. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul tema del documento e quindi scegliere l'opzione desiderata.

Per personalizzare un tema del documento, modificare i colori, i tipi di carattere e/o gli effetti grafici scegliendo nuove impostazioni nel gruppo Temi della scheda Progettazione mentre è selezionato il tema. Le modifiche apportate a uno o più componenti del tema influiscono immediatamente sugli stili applicati nel documento attivo. Per popolare i diversi gruppi di formattazione grafica, inclusi layout degli elementi grafici SmartArt, Stili grafici, Stili forme e (solo in PowerPoint 2007) Stili tabella (inclusi formattazione di linee e riempimenti, ombreggiatura, formato 3D, rotazione 3D e così via), viene utilizzata una combinazione dei diversi tipi di effetti visualizzati nelle finestre di dialogo relative alla formattazione per PowerPoint 2007.

Un tema del documento personalizzato viene salvato nella cartella Document Themes (Documents and Settings\[nome utente]\Dati applicazioni\Microsoft\Templates\Document Themes) e viene automaticamente aggiunto all'elenco di temi personalizzati (anch'esso salvato nella cartella Document Themes).

Colori

I colori del tema specificano la modalità di applicazione dei colori a grafici, elementi grafici SmartArt e forme. Utilizzando i colori predefiniti disponibili nella scheda Progettazione è possibile scegliere set di colori diversi per modificare in modo rapido l'aspetto di questi oggetti. È anche possibile creare colori del tema personalizzati.

Tipi di carattere

Utilizzare solo i tipi di carattere inclusi in Windows e in Office versione 2007, ovvero quelli presenti se si utilizza un'installazione pulita. Se si scaricano e si applicano tipi di carattere aggiuntivi, gli utenti che non hanno installato tali tipi di carattere potrebbero non essere in grado di stampare o di visualizzare correttamente il modello. I tipi di carattere predefiniti sono disponibili nella scheda Progettazione. Vedere Tipi di carattere forniti con le diverse versioni di Officee Tipi di carattere forniti con alcuni prodotti Microsoft.

Effetti

Gli effetti del tema specificano la modalità di applicazione degli effetti a grafici, elementi grafici SmartArt e forme. Utilizzando gli effetti predefiniti disponibili nella scheda Progettazione è possibile scegliere set di effetti diversi per modificare in modo rapido l'aspetto di questi oggetti. Sebbene non sia possibile creare set di effetti del tema personalizzati, è possibile scegliere l'effetto che si desidera utilizzare nel tema.

Stili di sfondo

Gli stili di sfondo sono una combinazione di effetti e colori del tema disponibili nella raccolta Stili sfondo e possono includere gli effetti di riempimento (incluse le immagini). Quando si modificano i temi del documento, gli stili di sfondo vengono aggiornati per riflettere i nuovi sfondi e colori del tema. Se si desidera modificare solo lo sfondo della presentazione, è possibile scegliere uno stile di sfondo diverso. Quando si modificano i temi del documento, non si modifica solo lo sfondo, ma anche il set di colori, i tipi di carattere del testo di intestazioni e corpo, gli stili di linee e riempimento e gli effetti del tema.

  • Gli stili di sfondo vengono visualizzati nelle anteprime nella raccolta Stili sfondo. Quando si posiziona il puntatore del mouse su un'anteprima di uno stile di sfondo, è possibile visualizzare in anteprima in che modo lo stile di sfondo influirà sulla presentazione. Se il risultato è quello desiderato, è possibile fare clic per applicare lo stile. È anche possibile applicare sfondi particolari della raccolta a diapositive, layout o schemi specifici.
  • Per modificare gli stili di sfondo disponibili, cambiare il tema o i colori del tema e gli stili di sfondo verranno aggiornati per riflettere i nuovi sfondi e colori del tema.
  • Per aggiungere la raccolta Stili sfondo (o qualsiasi raccolta della barra multifunzione) alla barra di accesso rapido, fare clic con il pulsante destro del mouse su un'anteprima e quindi scegliere Aggiungi raccolta alla barra di accesso rapido.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Utilizzo di schemi diapositiva

Quando si parte da un modello vuoto, è possibile conferire un aspetto coerente alle diapositive personalizzando lo schema diapositiva, anziché personalizzando ogni diapositiva singolarmente. Per personalizzare uno schema diapositiva, è necessario specificare la posizione del testo e degli oggetti in una diapositiva.

Un file del modello, con estensione potx, può contenere uno o più schemi diapositiva. Ogni schema contiene un set di layout, costituito da 11 layout predefiniti (nove dei quali sono disponibili per gli utenti di lingua italiana) e può inoltre contenere layout personalizzati.

  • Per creare e modificare uno schema dispositiva, utilizzare la visualizzazione Schema diapositiva
  • È consigliabile creare uno schema diapositiva prima di iniziare la creazione delle singole diapositive e non dopo. Creando prima lo schema diapositiva, tutte le diapositive aggiunte alla presentazione saranno basate su tale schema. Se invece si crea uno schema diapositiva dopo aver creato già le singole diapositive, alcuni elementi delle diapositive potrebbero non essere conformi alla struttura dello schema diapositiva.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Creazione di layout diapositiva personalizzati

Informazioni generali sui layout

È possibile utilizzare i layout per disporre oggetti e testo in una diapositiva. Un layout è parte di uno schema diapositiva che definisce informazioni relative al posizionamento di contenuto visualizzato in seguito in una diapositiva. I layout contengono segnaposto, che a loro volta contengono testo, ad esempio titoli ed elenchi puntati, e contenuto di diapositive, ad esempio elementi grafici SmartArt, tabelle, grafici, immagini, forme e ClipArt. È possibile aggiungere segnaposto per testo e oggetti a un layout o a uno schema diapositiva, ma non direttamente a una diapositiva.

In PowerPoint 2007 sono disponibili layout standard predefiniti. In alternativa, è possibile creare layout personalizzati per soddisfare specifiche esigenze. Sia i layout predefiniti, sia quelli personalizzati potranno essere utilizzati per creare presentazioni.

Layout standard

I layout standard disponibili in PowerPoint 2007 sono simili a quelli disponibili in PowerPoint 2003 e versioni precedenti.

PowerPoint 2007 include i seguenti nove layout predefiniti:

  • Diapositiva titolo
  • Titolo e contenuto
  • Intestazione sezione
  • Due contenuti
  • Confronto
  • Solo titolo
  • Vuota
  • Contenuto con didascalia
  • Immagine con didascalia

In totale, i layout disponibili sono 11 se si includono anche i due layout giapponesi (che prevedono titolo orizzontale e contenuto verticale oppure titolo e contenuto verticali) che non vengono visualizzati nella raccolta Layout a meno che la lingua giapponese non sia attivata nel computer. Questi due layout sono tuttavia inclusi nella visualizzazione Schema diapositiva.

Layout personalizzati

Non è possibile personalizzare gli elementi grafici di sfondo, ad esempio forme o immagini, posizionati nello schema nei singoli layout, ma è possibile nasconderli (nel gruppo Sfondo della scheda Schema diapositiva).

Se non è disponibile un layout standard adatto per le proprie esigenze o per le esigenze degli autori delle presentazioni nell'organizzazione, è possibile personalizzare un layout predefinito. È inoltre possibile creare layout personalizzati riutilizzabili che specificano il numero, la dimensione e la posizione dei segnaposto, nonché il contenuto di sfondo. È inoltre possibile distribuire i layout personalizzati come parte di un modello, in modo che non sia più necessario sprecare tempo prezioso tagliando i layout e incollandoli in nuove diapositive oppure eliminando il contenuto di una diapositiva che si desidera utilizzare con un contenuto nuovo e diverso. È inoltre meno probabile che siano necessari più schemi per poche diapositive specifiche, in quanto è possibile personalizzare i singoli layout.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Utilizzo di segnaposto nei layout personalizzati

I layout personalizzati possono contenere il numero di segnaposto desiderato. I tipi di segnaposto basati su testo e oggetti che è possibile aggiungere per creare un layout personalizzato includono:

  • Contenuto
  • Testo
  • Immagine
  • Grafico
  • Tabella
  • Diagramma
  • Elementi multimediali
  • ClipArt

Mentre è possibile aggiungere segnaposto di testo o oggetti a un layout o a uno schema diapositiva, non è possibile aggiungere i segnaposto direttamente a una diapositiva.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Inserimento di immagini e ClipArt

In questa sezione il termine immagini indica immagini e ClipArt, ad eccezione dei casi in cui a ognuno di questi elementi si applicano linee guida specifiche. Queste caratteristiche sono disponibili nella scheda Inserisci della barra multifunzione di PowerPoint 2007 e nei segnaposto di contenuto e immagini in alcuni layout diapositiva.

Responsabilità legali

Prima di scegliere le immagini da includere in un modello, verificare che non siano protette da copyright o marchio registrato e che siano appropriate per la distribuzione pubblica.

Formato del file di immagine

È possibile inserire file vettoriali o bitmap, ma per ottenere qualità e dimensioni del file ottimali è consigliabile inserire i formati seguenti:

  • File di interscambio JPEG (file con estensione jpeg, jpg, jfif o jpe)
  • Portable Network Graphics (file con estensione png)
  • Enhanced metafile di Windows (file con estensione emf)

Risoluzione delle immagini

Il valore della risoluzione dipende da come si prevede che venga utilizzato un modello:

  • Se un modello deve essere visualizzato solo online, utilizzare una risoluzione di 72 DPI.
  • Se un modello è destinato alla stampa o all'utilizzo online, utilizzare una risoluzione di 150 o 200 DPI.
  • Per testare la risoluzione dell'immagine, stampare il modello con una stampante domestica. Le stampanti commerciali utilizzano una risoluzione di 300 DPI, ma la maggior parte delle stampanti domestiche consente di stampare solo con risoluzioni da 150 a 200 DPI.

Linee guida per l'inserimento e la formattazione di immagini

È possibile aggiungere immagini a un modello inserendole nello schema diapositiva oppure direttamente in una diapositiva. Se si è indecisi sull'opzione da utilizzare, fare riferimento alle informazioni seguenti:

  • Se un'immagine deve essere visualizzata in ogni diapositiva di una presentazione, inserirla nello schema diapositiva.
  • Se un'immagine deve essere visualizzata in tutte le diapositive che condividono un layout simile, inserirla nel layout diapositiva applicabile.
  • Se un'immagine deve essere visualizzata solo su una o alcune diapositive della presentazione, inserirla nelle singole diapositive.
  • I segnaposto personalizzati devono essere aggiunti solo ai layout personalizzati, in modo che i layout predefiniti nei modelli funzionino con tutti i temi predefiniti.
  • Evitare di ridimensionare le fotografie in un modello. Utilizzare invece un programma di modifica di fotografie per ridimensionare le fotografie e quindi salvarle con l'impostazione di risoluzione consigliata per la stampa o l'utilizzo online.
  • Quando è necessario ridimensionare un'immagine in PowerPoint, premere e tenere premuto MAIUSC mentre si trascinano i punti di controllo d'angolo dell'immagine per mantenere le proporzioni. È inoltre possibile utilizzare le opzioni relative a dimensioni e posizione disponibili nella scheda Formato di Strumenti immagine.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Inserimento di elementi grafici SmartArt, tabelle, forme e grafici

Gli elementi grafici SmartArt, le tabelle, le forme e i grafici sono disponibili nella scheda Inserisci della barra multifunzione di PowerPoint 2007 e nel segnaposto per il contenuto di alcuni layout diapositiva.

Grafica SmartArt

Anziché aggiungere singole forme per creare un disegno, è possibile creare un elemento grafico SmartArt. In un elemento grafico SmartArt la disposizione delle forme e la quantità di testo incluso nelle forme vengono aggiornate automaticamente quando si aggiungono o si rimuovono le forme e si modifica il testo.

Con gli elementi grafici SmartArt, è possibile creare illustrazioni modificabili delle informazioni in una presentazione di PowerPoint 2007. Poiché le presentazioni di PowerPoint 2007 contengono spesso diapositive con elenchi puntati, è possibile convertire in modo rapido il testo delle diapositive in un elemento grafico SmartArt. È inoltre possibile aggiungere un'animazione agli elementi grafici SmartArt in PowerPoint.

  • Se un'immagine deve essere visualizzata in ogni diapositiva di una presentazione, inserirla nello schema diapositiva.
  • È possibile modificare il colore di un intero elemento grafico SmartArt nel gruppo Stili SmartArt della scheda contestuale Progettazione di Strumenti SmartArt. In questa scheda è disponibile anche un pulsante Cambia colori. Tutte le opzioni relative ai colori sono collegate ai colori del tema.
  • È possibile applicare uno stile SmartArt a un elemento grafico SmartArt.
  • Se in una diapositiva è già presente testo, è possibile convertire il testo in elemento grafico SmartArt.
  • È inoltre possibile aggiungere testo e forme all'elemento grafico SmartArt nel riquadro di testo di tale elemento.

Tabelle

In Office versione 2007 alle tabelle di PowerPoint 2007 sono stati apportati miglioramenti significativi. Ora è molto più semplice riutilizzare le tabelle da Word 2007 o Excel 2007 in una presentazione di PowerPoint 2007. Dopo aver creato e formattato una tabella in Word 2007 o Excel 2007, è possibile incollarla in PowerPoint 2007 come oggetto incorporato per mantenerne le funzionalità. Dopo aver aggiunto la tabella alla presentazione, è possibile utilizzare le nuove caratteristiche delle tabelle disponibili in PowerPoint 2007 per modificare in modo rapido lo stile di una tabella o aggiungere un effetto.

Le anteprime degli stili delle tabelle sono visualizzate nella raccolta Stili tabella della scheda Progettazione di Strumenti tabella. Posizionando il puntatore sull'anteprima di uno stile veloce, sarà possibile visualizzare il modo in cui lo stile veloce selezionato influisce sulla tabella.

Uno stile di tabella è una combinazione di diverse opzioni di formattazione, incluse combinazioni di colori derivate dai colori del tema della presentazione. Gli stili di tabella in Più appropriato per il documento includono anche gli effetti del tema.

Forme

È possibile aggiungere una forma a un modello di PowerPoint 2007 oppure combinare più forme per creare un disegno o una forma più complessa. Le forme disponibili includono linee, forme geometriche di base, frecce, forme equazione, diagrammi di flusso, stelle, decorazioni e callout.

Utilizzare gli stili di forma predefiniti per modificare l'aspetto delle forme. Tenere presente che gli stili delle forme sono controllati dagli effetti del tema.

Grafici

In PowerPoint 2007 i grafici offrono la stessa flessibilità di Excel 2007, ma solo se nel computer è installato Excel 2007. Gli stili dei grafici sono inoltre controllati dai colori e dagli effetti del tema.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Utilizzo di controlli contenuto e macro

Le funzioni relative a controlli contenuto e macro sono disponibili nella scheda Sviluppo della barra multifunzione di PowerPoint 2007.

 Nota   Quando si installa PowerPoint 2007, la scheda Sviluppo non è attivata per impostazione predefinita. Se non è già stata attivata, è possibile farlo utilizzando l'opzione disponibile nella scheda Personalizzazione della finestra di dialogo Opzioni di PowerPoint.

 Importante   Contattare il proprio rappresentante Microsoft prima di inviare modelli con macro. Come misura di sicurezza, i modelli contenenti macro devono essere analizzati e firmati digitalmente da Microsoft prima di poter essere pubblicati online. I modelli con firma digitale di terze parti non possono essere pubblicati e devono essere inviati senza firma digitale.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Utilizzo di segnaposto e testo di esempio

Il testo di esempio nei segnaposto deve indicare chiaramente il tipo di informazioni che gli utenti devono immettere quando utilizzano un modello. Per i segnaposto e il testo di esempio, attenersi alle linee guida seguenti:

Formattazione dei segnaposto

  • I punti di ancoraggio per i segnaposto possono variare in base alla struttura. L'impostazione predefinita per i segnaposto del titolo è costituita da un ancoraggio centrale, mentre per i segnaposto di testo del corpo, intestazioni e piè di pagina l'ancoraggio è nella parte superiore.
  • Non raggruppare i segnaposto. Raggruppare tutte le altre immagini, incluse le caselle di testo che contengono immagini.

Formattazione del testo di esempio

  • Il testo nei segnaposto viene aggiornato automaticamente se un utente modifica il layout diapositiva, il modello struttura o la combinazione di colori. Il testo non incluso nei controlli non viene aggiornato automaticamente.
  • Assicurarsi che tutto il testo segnaposto sia in primo piano e che non vi siano caselle di testo, forme o altre immagini che lo coprono.
  • Non racchiudere il testo segnaposto o di esempio tra parentesi quadre né formattarlo manualmente.
  • Verificare che nelle frasi e nei periodi la punteggiatura e le maiuscole vengano utilizzate correttamente in conformità alle regole editoriali.
  • Per creare righe in cui è possibile immettere o scrivere testo, ad esempio righe della firma, utilizzare una cella di tabella con un bordo inferiore, un bordo di paragrafo inferiore o un carattere di riempimento sottolineato. Non utilizzare i caratteri di sottolineatura, ovvero i trattini bassi, in quanto non possono essere "compilati" online e sulla stampa vengono visualizzati come linee punteggiate.
  • Utilizzare un testo di istruzioni o di esempio, ma assicurarsi di utilizzarlo in modo coerente nel modello. Utilizzare, ad esempio, "Via, CAP Città" o "Via Martedì 123, 45678 Roma" ma non utilizzarli entrambi nello stesso modello. Per ulteriori informazioni relative ai requisiti di denominazione legali, vedere Indirizzi stradali, numeri di telefono e indirizzi di posta elettronica più avanti in questo documento.
  • Se si preferisce utilizzare testo segnaposto generico anziché testo di esempio, utilizzare il testo e la costruzione indicati in Testo segnaposto generico di seguito in questo documento.
  • Formattare tutto il testo dei controlli utilizzando effetti, tipi di carattere e colori predefiniti. Non formattare il testo manualmente.

Indirizzi stradali, numeri di telefono e indirizzi di posta elettronica

 Importante   Per motivi di copyright, marchi registrati e privacy, assicurarsi che tutti i nomi di persone o società, indirizzi, numeri di telefono, siti Web e indirizzi di posta elettronica siano conformi ai presenti requisiti di denominazione legali per quanto riguarda testo e costruzione.

Indirizzi stradali

  • Utilizzare numeri in sequenza
  • Utilizzare nomi di vie comuni
  • Utilizzare un CAP che non corrisponda alla città indicata nell'indirizzo, ad esempio  12345 Milano

Numeri di telefono

  • Utilizzare un indicativo di località che non corrisponda alla città indicata nell'indirizzo
  • Utilizzare un prefisso con numeri in sequenza
  • Utilizzare numeri di telefono composti da numeri in sequenza, ad esempio "012 34 56 78" o "567 89 01 23"

Indirizzi di posta elettronica

  • Utilizzare prova@example.com. Questo indirizzo è stato riservato da Microsoft per l'utilizzo a scopo esemplificativo.

Nomi di pubblico dominio

I luoghi come parchi e altri luoghi pubblici delle città sono di pubblico dominio. È possibile fare riferimento a questi nomi senza problemi di marchio registrato. Se si è in dubbio, tuttavia, richiedere l'autorizzazione ai contatti appropriati o contattare il proprio rappresentante Microsoft.

È anche possibile utilizzare informazioni divulgate pubblicamente come le linee guida di un'associazione pubblica, ma è necessario inserire un riconoscimento dell'organizzazione. Se non si è certi del fatto che determinati nomi di società o informazioni siano di pubblico dominio, contattare l'organizzazione per ottenere l'autorizzazione.

Nomi di società e indirizzi di siti Web

Per creare indirizzi di siti Web e nomi di persona o di società fittizi:

  • Evitare di utilizzare nomi o indirizzi di siti Web che si sa essere reali, in particolare non utilizzarli in combinazione.
  • Utilizzare nomi generici o descrittivi, ad esempio Studio dentistico o Ufficio urbanistica.
  • Utilizzare, ad esempio, nomi di alberi per gli istituti accademici fittizi, come Istituto L'Olmo o Università Acero.
  • Eseguire una ricerca completa dei nomi fittizi tramite risorse online, rubriche telefoniche e altre risorse disponibili pubblicamente.

Testo segnaposto generico

Per garantire che il testo segnaposto sia coerente in tutti i modelli nel sito Web, utilizzare il testo e la costruzione indicati nella tabella seguente.

Funzione Testo segnaposto e costruzione
Nomi

Per indicare nomi di persona o società, utilizzare i testi segnaposto seguenti:

  • Nome destinatario
  • Nome società
  • Inserire il nome qui
Slogan Inserire lo slogan qui
Informazioni sul contatto della società

Per indicare le informazioni per contattare la società, utilizzare i testi segnaposto seguenti:

  • Nome società
  • Indirizzo
  • Indirizzo 2
  • CAP Città 

Ad esempio: Piazza Martedì 4567, 12345  Milano

Numeri di telefono e di fax

Per creare un numero di telefono o di fax:

  • Utilizzare un indicativo di località che non corrisponda alla città indicata nell'indirizzo
  • Utilizzare un prefisso con numeri in sequenza
  • Utilizzare numeri di telefono composti da numeri in sequenza

Ad esempio: 123 456 789

Indirizzi di posta elettronica e di siti Web

Per indicare gli indirizzi di posta elettronica e di siti Web, utilizzare i testi segnaposto seguenti:

  • Indirizzo di posta elettronica
  • Indirizzo sito Web
Informazioni postali del destinatario

Per indicare le informazioni postali del destinatario, utilizzare i testi segnaposto seguenti:

  • Nome destinatario
  • Indirizzo
  • Indirizzo 2
  • CAP Città 

Torna all'inizio Torna all'inizio

Requisiti di invio

Formato di file

Salvare i modelli di PowerPoint 2007 e inviarli per la pubblicazione come file con estensione potx.

Nome di file

Quando si salva un modello di PowerPoint 2007, verificare che il nome di file soddisfi i requisiti seguenti:

  • Sia conforme alla convenzione di denominazione 12.4, ovvero che non contenga più di 12 lettere o caratteri prima dell'estensione del tipo di file costituita da quattro lettere, ad esempio PianoNozze.potx.
  • Non contenga spazi o caratteri speciali, inclusi apostrofi. I nomi di file possono contenere segni meno o caratteri di sottolineatura, se necessario.
  • Contenga numeri in sequenza per le variazioni di un modello il cui contenuto (testo) non cambia, mentre variano i temi, le immagini o i colori. Iniziare aggiungendo il numero 2 alla fine di ogni nome di file, ad esempio PianoNozze.potx, PianoNozze2.potx, PianoNozze3.potx.

Titoli dei modelli

Per garantire che i titoli dei modelli siano coerenti e possano essere individuati in modo semplice dagli utenti nei risultati delle ricerche e nelle categorie di esplorazione nel sito Web Office Online, attenersi alle linee guida seguenti:

  • Utilizzare nomi e aggettivi ma non utilizzare verbi, ad esempio "Pianificazione giardino", ma non "Pianificare un giardino".
  • Utilizzare aggettivi e modificatori per specificare in modo più preciso la funzione del modello, se necessario. Ad esempio, Cartello della classe elementare, Istruzioni per la custodia di animali, Calendario compleanni e anniversari.
  • Utilizzare la lettera maiuscola solo per la prima parola di un titolo. Non utilizzare le maiuscole per le parole tra parentesi a meno che non includano il nome di una struttura o di un tema, ad esempio "Pianificazione giardino (tema Floreale)".
  • Non utilizzare più di 32 caratteri, se possibile.
  • Se il titolo del modello viene incluso nel corpo del modello come testo di esempio, includere lo stesso titolo nelle proprietà del file (campo Titolo).

Test funzionale

Al termine della creazione di un modello, verificare gli aspetti seguenti:

  • Al passaggio del mouse sopra le anteprime nella scheda Diapositive, i titoli delle diapositive vengono visualizzati correttamente.
  • Il modello funziona correttamente con ognuno dei temi predefiniti.
  • Se un modello è destinato alla stampa, verificare che venga visualizzato correttamente nell'anteprima di stampa e che venga stampato correttamente.
  • Se un modello è destinato alla visualizzazione su schermo, tenere presente quali tipi di formattazione sono più o meno appropriati per i diversi ambienti di presentazione. Le sfumature, ad esempio, non offrono risultati ottimali se visualizzate in un ambiente di condivisione dello schermo come LiveMeeting o un'applicazione simile.
  • Verificare che le tabelle, le caselle di testo, le immagini e gli altri oggetti ed elementi che si prevede vengano modificati dagli utenti funzionino come previsto quando si aggiunge o si rimuove testo, si sostituiscono le immagini e si ridimensionano le immagini o gli oggetti.
  • Verificare che colori dei caratteri, immagini e forme possano essere distinti chiaramente dai colori di sfondo, sia online che su stampa.

Salvataggio dei modelli

Dopo aver terminato la creazione e il test di un modello, ma prima di salvare la versione finale del file per l'invio, eseguire le operazioni seguenti:

  • Disattivare le revisioni e i segni di formattazione.
  • Nella scheda Visualizza della barra multifunzione di PowerPoint 2007 verificare che la modalità di visualizzazione della presentazione sia impostata su Normale.
  • Impostare lo zoom su Adatta la diapositiva alla finestra corrente.
  • Impostare le dimensioni predefinite per i riquadri attività.
  • Controllare l'ortografia e la grammatica e risolvere tutti gli eventuali problemi.
  • Eseguire Controllo documento per rimuovere le informazioni personali o i metadati nascosti.
  • Salvare il modello come file con estensione potx, o potm se contiene macro.
  • Verificare che non siano presenti virus nel file utilizzando un software antivirus a propria scelta.

Se si modifica un modello dopo averlo testato e salvato, ripetere questi passaggi prima di inviarlo per la pubblicazione.

Torna all'inizio Torna all'inizio

Scheda di riferimento rapido per Powerpoint 2007

Analizzare queste linee guida insieme ai requisiti di salvataggio e test funzionale per assicurarsi che i modelli siano pronti per l'invio. Assicurarsi inoltre che il modello soddisfi le considerazioni importanti relative a contenuto e destinatari descritte in Informazioni necessarie per la creazione di un modello e Linee guida per la creazione di modelli di semplice utilizzo (Accesso facilitato).

Linea guida Dettagli
Elementi a cui è possibile applicare i temi
  • Per personalizzare un tema di un documento, modificare i colori, i tipi di carattere e/o gli effetti grafici. Le modifiche apportate a uno o più componenti del tema hanno effetto immediato sugli stili applicati nel documento attivo.
  • Per modificare gli stili di sfondo disponibili, cambiare il tema o i colori del tema e gli stili di sfondo verranno aggiornati per riflettere i nuovi sfondi e colori del tema.
  • Tutte le forme sono associate agli effetti e ai colori del tema.
Schemi diapositiva
Layout personalizzati
  • È possibile creare layout personalizzati riutilizzabili che specificano il numero, la dimensione e la posizione dei segnaposto, nonché il contenuto di sfondo.
  • È inoltre meno probabile che siano necessari più schemi per poche diapositive specifiche, in quanto è possibile personalizzare i singoli layout.
Inserimento e formattazione di immagini
  • Inserire le immagini come appropriato in una singola diapositiva o in un singolo layout o schema diapositiva.
Segnaposto e testo di esempio
  • I segnaposto devono essere aggiunti solo ai layout personalizzati, in modo che i layout predefiniti nei modelli funzionino con tutti i temi predefiniti.
  • Il testo segnaposto e di esempio è utilizzato in modo coerente nel modello e soddisfa le linee guida relative alle convenzioni di denominazione legali.
Testo
  • Il titolo del modello soddisfa i requisiti del sito Web Office Online.
  • L'ortografia e la grammatica sono corrette.
Layout
  • Lo zoom è impostato su "Adatta la diapositiva alla finestra corrente" (pulsante nell'angolo in basso a destra della finestra).
Formato di file
  • Il nome di file non supera quanto definito dalla convenzione di denominazione 12.4 e non contiene caratteri speciali.
  • Il file viene salvato utilizzando il formato appropriato, ovvero con estensione potx.

Torna all'inizio Torna all'inizio

 
 
Si applica a:
PowerPoint 2007