Problemi noti di SharePoint Server 2013

Benvenuti in Microsoft SharePoint Server 2013.

Per informazioni sulla licenza, vedere il Contratto di Licenza con l'utente finale fornito con il prodotto.

Di seguito sono riportate alcune note importanti relative a SharePoint Server 2013 e Microsoft SharePoint Designer 2013. Per leggere altri articoli relativi ai problemi noti delle versioni 2013, fare clic su Problemi noti di SharePoint Foundationo Problemi noti di SharePoint Online.

Prodotti interessati

SharePoint Server

Servizio di ricerca di SharePoint Server

SharePoint Designer

OneDrive for Business con SKU di Office Online (versione autonoma)

SharePoint Server

App Yammer per SharePoint: il rendering dell'app part non viene eseguito e in Internet Explorer viene visualizzato un errore iFrame

Poiché il componente Service Manager nelle applicazioni di Office aggiunge automaticamente i domini tenant di SharePoint all'area di sicurezza Siti attendibili di Internet Explorer ogni volta che si apre un documento da un sito di SharePoint, viene visualizzato un errore IFrame. L'endpoint di accesso non viene aggiunto ai siti attendibili. L'autenticazione dell'utente in SharePoint ha esito positivo, ma il rendering dell'iFrame non viene eseguito, in quanto viene bloccato dalla protezione contro il clickjacking.

Soluzione alternativa   Aggiungere i seguenti siti all'elenco Siti attendibili e riavviare la sessione.

  • https://login.microsoftonline.com
  • https://*.sharepoint.com

Se l'aggiunta di questi siti on consente di risolvere il problema, attivare la Modalità protetta per i Siti attendibili.

App Yammer per SharePoint: quando si usa Internet Explorer, al momento dell'accesso viene visualizzata finestra di dialogo vuota

La presenza di *.yammer.com e *.sharepoint.com (come dominio di SharePoint) nell'impostazione Area Intranet di Internet Explorer impedisce di accedere a Yammer dall'app Yammer per SharePoint. Dopo aver effettuato l'accesso a Yammer dall'app, verrà visualizzata una finestra di dialogo vuota.

Soluzione alternativa   Aggiungere i seguenti siti all'elenco Siti attendibili e riavviare la sessione.

  • https://*.yammer.com
  • https://*.assets-yammer.com

I menu di scelta rapida potrebbero non essere disponibili per il contenuto di PerformancePoint sui dispositivi mobili

Se l'organizzazione usa SharePoint Server 2013 eseguito in modalità SharePoint Server 2010, i menu di scelta rapida per il contenuto di PerformancePoint potrebbero non essere disponibili quando sono visualizzati su un dispositivo mobile, ad esempio un tablet con Windows 8 o un Apple iPad. Questo problema si verifica in particolare quando gli utenti visualizzano il contenuto tramite l'app Internet Explorer invece di eseguire Internet Explorer dal desktop Windows 8 o quando usano il browser Safari per iOS 6 su Apple iPad.

Soluzione alternativa   È consigliabile eseguire SharePoint Server 2013 in modalità predefinita o chiedere alle persone di aprire Internet Explorer dal desktop Windows 8.

Non è attualmente disponibile alcuna soluzione alternativa per il browser Safari per iOS.

Eliminare la proprietà AverageRating prima di eseguire l'aggiornamento dalla versione di anteprima

Con l'aggiornamento dalla versione di anteprima alla versione finale verrà aggiunta automaticamente una nuova proprietà gestita denominata AverageRating. Se questa proprietà è stata creata nell'installazione dell'anteprima, l'aggiornamento non riuscirà.

Il sito personale viene aggiornato alla versione 2013 ma è impostato per l'esecuzione in modalità 2010, viene restituito un errore quando si fa clic menu ingranaggio >Aggiungi un'app

Quando il sito personale viene aggiornato alla versione 2013 ma è impostato per rimanere in modalità 2010, verrà visualizzato un messaggio di errore.

Soluzione alternativa   Non è attualmente disponibile alcuna soluzione.

Il processo dell'indicizzatore non libera la memoria precedente dopo il ripartizionamento

Uno dei motivi per eseguire il ripartizionamento potrebbe essere un carico eccessivo per la memoria sui nodi dell'indice. Il problema consiste nel fatto che dopo il ripartizionamento dell'indice si registra lo stesso utilizzo della memoria per i vecchi nodi dell'indice, che rimane per sempre fino al riavvio del nodo dell'indice.

Soluzione alternativa   Si consiglia di riavviare il servizio spsearchhostcontroller nei vecchi componenti dell'indice ed eseguire questo passaggio prima di $ssa.ResumeAfterIndexRepartitioning(). Prima di riavviare il controller host, tuttavia, è consigliabile controllare che le repliche del vecchio indice siano sincronizzate con le versioni primarie corrispondenti.

Il tentativo di recuperare fcocount quando la compressione e il raggruppamento non sono attivati causa l'arresto anomalo della query

Se si usa TrimDuplicates=False o TrimDuplicatesIncludeId durante il recupero della proprietà gestita fcocount, la query non riesce.

Soluzione alternativa   Non richiedere fcocount mentre si usa TrimDuplicates=False o TrimDuplicatesIncludeId.

New-SPEnterpriseSearchIndexComponent controlla l'esistenza di RootDirectory nel server sbagliato

Si vuole aggiungere un nuovo componente di indicizzazione alla topologia di ricerca e si vuole specificare una directory radice non predefinita per i file di indice. Ad esempio:

New-SPEnterpriseSearchIndexComponent -SearchTopology $t -SearchServiceInstance $ssi -IndexPartition 1 -RootDirectory ""d:\indice4"

L'esecuzione del cmdlet potrebbe non riuscire con il messaggio di errore seguente perché controlla erroneamente se la directory radice indicata esiste nel server in cui viene eseguito il cmdlet:

Impossibile associare il parametro 'RootDirectory' alla destinazione. Eccezione durante l'impostazione di ""RootDirectory"": ""Impossibile trovare il percorso 'd:\indice4'."

Soluzione alternativa   È possibile creare il nuovo componente di indicizzazione con la procedura alternativa seguente:

$host02 = (Get-SPServer"<Nome server>").Name

$ssa = Get-SPEnterpriseSearchserviceApplication

$t = $ssa.ActiveTopology.Clone()

$ic = (New-Object Microsoft.Office.Server.Search.Administration.Topology.IndexComponent $host02,1);

$ic.RootDirectory =""d:\indice4"

$t.AddComponent($ic)"

La Guida di PerformancePoint Dashboard Designer non si apre come previsto

Quando si fa clic su ? in Dashboard Designer, viene visualizzata la Guida per SharePoint Server e nella pagina non vi è alcun riferimento a Dashboard Designer.

Soluzione alternativa   La Guida è disponibile per Dashboard Designer, anche se non è visibile nella schermata Home del visualizzatore della Guida. Per visualizzare il contenuto relativo a Dashboard Designer, nella casella di ricerca nella parte superiore della finestra della Guida, digitare "Dashboard Designer". Viene visualizzato un elenco di risorse per Dashboard Designer.

Intento di PowerPoint non visualizzato

L'intento di PowerPoint non è visualizzato perché manca il punto e virgola nella condizione della regola di query per PowerPoint nella build in lingua spagnola e il risultato è un comportamento non corretto dell'intento predefinito per PowerPoint. Il problema si verifica solo in server arabi e spagnoli senza Language Pack.

Soluzione alternativa   Gli amministratori possono copiare la condizione della regola di query esistente per PowerPoint e inserire il punto e virgola mancante o posizionare correttamente i punti e virgola che causano l'errore. La voce precedente può quindi essere eliminata per assicurarsi che venga usata la regola di query aggiornata.

Inizio pagina Inizio pagina

Servizio di ricerca di SharePoint Server

Problemi di utilizzo della ricerca in caso di accesso anonimo

Quando si tenta di utilizzare la ricerca con accesso anonimo, è possibile che venga visualizzato il messaggio di errore seguente.

Eccezione durante il tentativo di rilasciare il token di sicurezza: Impossibile convalidare il nome utente e la password del token di sicurezza.

Soluzione alternativa   La soluzione consiste nel modificare le impostazioni locali del sistema operativo selezionando una lingua locale.

Inizio pagina Inizio pagina

SharePoint Designer

La chiamata del servizio Web HTTP non riesce quando si chiama il servizio Web HTTP (REST) non di SharePoint dal flusso di lavoro di SharePoint

Quando uno sviluppatore di flussi di lavoro scrive un flusso di lavoro che chiama un servizio Web HTTP (REST) non di SharePoint dal flusso di lavoro di SharePoint, per impostazione predefinita nell'intestazione HTTP viene aggiunto "Authorization: Bearer", che può a volte causare una risposta di errore "401 Non autorizzato".

Soluzione alternativa   Uno sviluppatore di flussi di lavoro deve impostare in modo esplicito il campo "Authorization" su una stringa vuota ("") in una proprietà "RequestHeader" dell'azione "Chiama servizio Web HTTP". In questo modo verrà eliminata l'intestazione di autorizzazione della connessione per la richiesta HTTP.

Non è possibile creare DocSet con l'azione Crea voce di elenco

Nei flusso di lavoro di SharePoint 2010 è possibile creare DocSet usando l'azione Crea voce di elenco in SharePoint Designer, ma in SharePoint 2013 questa operazione non è supportata.

Soluzione alternativa   Provare a chiamare il flusso di lavoro di SharePoint 2010 tramite l'azione Avvia flusso di lavoro.

Il flusso di lavoro non supporta elenchi esterni in SharePoint 2013

I flussi di lavoro in SharePoint 2010 supportano operazioni di creazione, lettura, aggiornamento ed eliminazione (CRUD) per elenchi esterni, ma queste operazioni non sono supportate nei flussi di lavoro di SharePoint 2013 per gli elenchi esterni a causa di limitazioni della piattaforma.

Soluzione alternativa   Provare il flusso di lavoro di SharePoint 2010 tramite l'azione Avvia flusso di lavoro dell'elenco/Avvia flusso di lavoro del sito all'interno del flusso di lavoro di SharePoint 2013.

L'azione Crea voce di elenco non supporta la creazione di voci nella cartella

È possibile creare una voce di elenco in una cartella in un elenco personalizzato tramite l'azione Crea voce di elenco in SharePoint 2010, ma in SharePoint 2013 l'azione Crea voce di elenco non supporta la creazione di voci nella cartella a causa di limitazioni della piattaforma.

Soluzione alternativa   Provare a chiamare il flusso di lavoro di SharePoint 2010 tramite l'azione Avvia flusso di lavoro dell'elenco/Avvia flusso di lavoro del sito all'interno del flusso di lavoro di SharePoint 2013.

La proprietà CompletionCondition di un blocco parallelo non è supportata in un flusso di lavoro di SharePoint 2010

La proprietà CompletionCondition di un blocco parallelo non è supportata in un flusso di lavoro di SharePoint 2010. È possibile creare flussi di lavoro di SharePoint 2010 e di SharePoint 2013 in SharePoint Designer 2013, ma la proprietà CompletionCondition per i blocchi paralleli è supportata solo in un flusso di lavoro di SharePoint 2013. Questa proprietà viene visualizzata per i flussi di lavoro di SharePoint 2010, ma non può essere impostata in questa versione.

Soluzione alternativa   Non è attualmente disponibile alcuna soluzione.

Un documento creato con l'azione Crea voce di elenco non conserva l'estensione del nome di file assegnata durante la progettazione del flusso di lavoro

Un documento creato con l'azione Crea voce di elenco non conserva l'estensione del nome di file assegnata durante la progettazione del flusso di lavoro. Ad esempio, si supponga di creare un nuovo flusso di lavoro di SharePoint 2013 in una raccolta documenti con un modello di documento denominato "modello.dotx" e che il flusso di lavoro includa l'azione "Crea voce di elenco" con il parametro "Percorso nome" impostato su "file_excel.xls". Quando si pubblica ed esegue il flusso di lavoro, viene creato un nuovo documento con il nome "file_excel.xls.docx" invece di "file_excel.xls".

Questa situazione è supportata nei flussi di lavoro di SharePoint 2010.

Soluzione alternativa   Provare a usare il flusso di lavoro di SharePoint 2010 tramite l'azione Avvia flusso di lavoro dell'elenco/Avvia flusso di lavoro del sito all'interno del flusso di lavoro di SharePoint 2013.

Il flusso di lavoro non supporta elenchi Sondaggio

I flussi di lavoro in SharePoint 2010 supportano operazioni di creazione, lettura, aggiornamento o eliminazione (CRUD) per elenchi Sondaggio, ma queste operazioni non sono supportate nei flussi di lavoro di SharePoint 2013 per gli elenchi Sondaggio a causa di limitazioni della piattaforma (per l'elenco Sondaggio non è disponibile il campo GUID).

Soluzione alternativa   Provare a chiamare il flusso di lavoro di SharePoint 2010 tramite l'azione Avvia flusso di lavoro dell'elenco/Avvia flusso di lavoro del sito all'interno del flusso di lavoro di SharePoint 2013.

Le impostazioni utente non vengono mantenute quando gli utenti usano l'azione Crea voce di elenco o Aggiorna voce elenco

Quando si aggiunge un campo di tipo Data/ora o Booleano con un valore vuoto nella finestra di dialogo dei parametri dell'azione Crea voce di elenco o Aggiorna voce elenco, questi campi non vengono conservati quando si riapre la finestra di dialogo dei parametri.

Soluzione alternativa   Provare a chiamare il flusso di lavoro di SharePoint 2010 tramite l'azione Avvia flusso di lavoro dell'elenco/Avvia flusso di lavoro del sito.

L'aggiornamento di una voce di elenco non funziona quando si aggiorna un campo della voce con un valore vuoto

Quando si tenta di aggiornare un campo di voce di elenco di tipo non stringa, come Data/ora, Booleano, Numero o Persona, con un valore vuoto tramite l'azione Aggiorna voce elenco, l'operazione non riesce. Funziona invece l'aggiornamento di un campo di tipo di stringa con una stringa vuota o di un campo di tipo utente singolo con un valore vuoto.

Soluzione alternativa   Provare a chiamare il flusso di lavoro di SharePoint 2010 tramite l'azione Avvia flusso di lavoro dell'elenco/Avvia flusso di lavoro del sito.

Il valore di "Ora corrente" ("Oggi") varia in base al fuso orario

Quando si usa un valore di tipo Data/ora in un flusso di lavoro e in SharePoint Designer, è necessario che venga usata la data corrente in fase di esecuzione. SharePoint Designer include l'impostazione "Ora corrente" ("Oggi") per i valori di tipo Data/ora, ma il valore in fase di esecuzione varia in base al fuso orario perché include la parte dell'ora, mentre l'impostazione Ora corrente nella versione 2010 include solo la parte della data senza la parte dell'ora.

Soluzione alternativa   Dopo l'impostazione di una variabile di tipo Data/ora, usare l'azione "Imposta la parte ora del campo Data/ora" impostando tutti 0 (zero) per la parte dell'ora in modo che rimanga solo il valore di data. Impostare, ad esempio, l'ora come 0 : 0 per date (Output su Variabile: date).

Un elemento documento con titolo vuoto nella raccolta documenti causa l'arresto anomalo del flusso di lavoro della versione 2013 che usa la condizione Il campo del titolo contiene parole chiave

Se si esegue un elemento documento con un titolo vuoto con la condizione Il campo del titolo contiene parole chiave, ci si aspetta che la condizione restituisca False ma si verifica invece un arresto anomalo.

Soluzione alternativa   Usare Se qualsiasi valore è uguale al valore condizione, quindi impostare Elemento corrente:Titolo nel valore sinistro e contiene come operatore.

I valori CreatedDate e ModifiedDate nella versione 2010 usano l'ora del client mentre la versione 2013 usa il fuso orario del server

I valori CreatedDate e ModifiedDate di SharePoint Designer 2010 usano l'ora del client mentre SharePoint Designer 2013 usa il fuso orario del server per la visualizzazione nella raccolta flussi di lavoro.

Soluzione alternativa   Non è attualmente disponibile alcuna soluzione, ma è consigliabile usare le stesse impostazioni di fuso orario nel client e nel server.

Flusso di lavoro con nome Unicode/DBCS inserito in un pacchetto con il nome predefinito WorkflowSolution.wsp tramite la caratteristica Salva come modello

I flussi di lavoro con nomi Unicode o DBCS verranno inseriti in file di pacchetto con estensione wsp con il nome predefinito specificato a livello di codice (hard-coded) WorkflowSolution.wsp.

Soluzione alternativa   È possibile rinominare il file WorkflowSolution.wsp con il nome originale del flusso di lavoro. Indipendentemente dal fatto che si rinomini il file wsp, il nome originale del flusso di lavoro verrà mantenuto nella definizione del flusso di lavoro nel sito di destinazione.

Non è possibile visualizzare i campi Data creazione e Data modifica per i flussi di lavoro della versione 2013 nella raccolta flussi di lavoro

Se le impostazioni locali del client e del server sono diverse, SharePoint Designer non può visualizzare i campi Data creazione e Data modifica nella raccolta flussi di lavoro

Soluzione alternativa   Non è attualmente disponibile alcuna soluzione. È consigliabile usare le stesse impostazioni locali nel client e nel server.

Viene riutilizzata la stessa variabile del risultato dell'attività

Quando si copia e incolla, la regola di base prevede di mantenere la variabile del risultato, ma la progettazione delle azioni Assegna un'attività e Avvia un processo attività prevede l'uso di una variabile del risultato univoca non usata da nessun'altra azione attività, in quanto contiene alcune informazioni nascoste per mostrare l'elenco a discesa dei risultati quando viene usata.

Quando si sostituisce la variabile del risultato con qualcos'altro, le informazioni nascoste vengono rimosse e la nuova variabile conterrà le informazioni. Questo significa che se si modifica la variabile del risultato per alcune azioni attività incollate, verrà compromessa la variabile del risultato delle altre azioni attività, che è identica.

Soluzione alternativa   Se si modifica la variabile del risultato per un'azione attività incollata e si nota un comportamento strano per la condizione If o l'impostazione della variabile, riprovare a impostare la variabile originale. Se necessario, creare e usare invece variabili locali per archiviare i valori dei risultati delle attività per gli scenari personali.

La condizione If non funziona in modo corretto in fase di esecuzione con la colonna Stato approvazione

Se si usa la colonna Stato approvazione nella condizione If, verrà visualizzato un elenco a discesa per scegliere tra le opzioni disponibili, come '1;#Rifiutato'. La risoluzione dell'istruzione If è tuttavia sbagliata in fase di esecuzione.

Soluzione alternativa   Invece di usare

if 'Elemento corrente:Stato approvazione' è uguale a '1:#Rifiutato'

è consigliabile usare

if '1' è uguale a 'Elemento corrente:Stato approvazione'

Una colonna di elenco Dizionario può causare un rilevamento errori sbagliato con Controlla errori

Se un elenco contiene una colonna di tipo multiriga di nome Dizionario e il flusso di lavoro di SharePoint Designer 2013 usa tale colonna nell'azione Crea elemento, Controlla errori riceve il messaggio seguente:

L'azione contiene errori attualmente non visibili. Per ulteriori dettagli, fare clic sui collegamenti ipertestuali.

Soluzione alternativa   Usare un altro nome di colonna dell'elenco.

Usare Numero ID utente per un campo di tipo Persona

È necessario usare l'opzione Numero ID utente per un campo di tipo Persona quando viene usato nell'azione Attendi evento elemento corrente.

Soluzione alternativa   Usare l'opzione Numero ID utente.

Il parametro di avvio di tipo Sia avvio che associazione non è supportato per i flussi di lavoro riutilizzabili

È nascosta l'interfaccia utente per creare il parametro di avvio di tipo Sia avvio che associazione usato per gli scenari di flussi di lavoro riutilizzabili.

Soluzione alternativa   Non è attualmente disponibile alcuna soluzione. È possibile provare a usare un valore predefinito per il parametro di avvio o il parametro del tipo di avvio oppure usare un flusso di lavoro elenco, a seconda dello scenario di utilizzo.

Controlla errori segnala un errore invisibile

Quando un passaggio include una condizione If nella sezione della transizione che confronta la variabile di tipo Stringa con un valore, e la condizione viene copiata e incollata, viene rilevato un errore invisibile.

Soluzione alternativa   È possibile usare il comando Taglia per spostare l'istruzione della condizione nella sezione della transizione e incollarla nella posizione originale.

In alternativa, è possibile copiare l'istruzione della condizione nella sezione della transizione e incollarla nella stessa posizione, quindi eliminare una delle istruzioni della condizione duplicate.

Flusso di lavoro annullato con un parametro di avvio Data e ora vuoto

Se un flusso di lavoro elenco viene avviato manualmente con un parametro di avvio Data e ora vuoto, il flusso di lavoro viene annullato.

Soluzione alternativa   Non lasciare vuoto il campo Data e ora.

Il tipo di contenuto predefinito per le attività del flusso di lavoro non viene applicato automaticamente ai siti con ereditarietà interrotta dal sito radice

Quando SharePoint Designer pubblica un flusso di lavoro in un sito con ereditarietà interrotta dal sito radice, non riuscirà ad associare automaticamente il tipo di contenuto predefinito all'elenco attività. Questo significa che quando si prova a eseguire un flusso di lavoro che usa attività con il tipo di contenuto predefinito per l'attività, il flusso di lavoro genererà un errore in fase di esecuzione.

Ciò accade perché il tipo di contenuto predefinito è archiviato nel sito radice, quindi se SharePoint Designer non ha accesso a tale sito radice, non potrà recuperare il tipo di contenuto predefinito e associarlo all'elenco attività.

Soluzione alternativa   Applicare manualmente il tipo di contenuto all'elenco attività prima di eseguire qualsiasi flusso di lavoro.

Flusso di lavoro di SharePoint Designer 2013 annullato se contiene una ricerca per una variabile locale della versione 2010 di tipo Stringa o ID voce elenco

Quando viene creata una variabile locale di tipo Stringa o ID voce elenco in un flusso di lavoro di SharePoint Designer 2010, ma alla variabile non viene in seguito assegnato alcun valore e viene cercata da un flusso di lavoro della versione 2013 tramite un'azione Avvia flusso di lavoro o un'attività di interoperabilità, il flusso di lavoro viene annullato in fase di esecuzione.

Soluzione alternativa   Quando si chiama un flusso di lavoro della versione 2010 e si usa il valore restituito in un flusso di lavoro della versione 2013 tramite Avvia flusso di lavoro, assicurarsi che a tutte le variabili cercate siano stati assegnati valori almeno una volta. Dopo l'impostazione, le variabili non presentano alcun problema.

Attivazione di flussi di lavoro di SharePoint Designer su un elenco sbagliato

Avvia flusso di lavoro dell'elenco riceve il parametro "elemento" su cui verrà eseguito il flusso di lavoro di SharePoint Designer 2010 chiamato in fase di esecuzione. L'elemento deve essere incluso nello stesso elenco in cui risiede l'associazione e il flusso di lavoro. Non esiste però una restrizione per l'input che consente di specificare solo elementi dello stesso elenco dell'associazione e del flusso di lavoro. Quando l'elemento e l'associazione o il flusso di lavoro non condividono lo stesso elenco, pertanto, il flusso di lavoro non verrà eseguito e genererà un errore in fase di esecuzione.

Soluzione alternativa   Impostare il parametro "elemento" in modo corretto. Ad esempio, se un flusso di lavoro elenco di SharePoint Designer 2013 chiama un flusso di lavoro della versione 2010 associato a un altro elenco, non usare "Elemento corrente" ma un elemento presente nell'elenco in cui risiede il flusso di lavoro della versione 2010.

Variabile dell'origine dati di output interna visibile nell'azione Imposta variabile flusso di lavoro

L'origine dati per il valore restituito da chiamate di Avvia flusso di lavoro viene visualizzata come variabile di tipo Dizionario in certe azioni. In questo caso, un'altra variabile di tipo Dizionario può essere assegnata all'origine dati, ma ciò non dovrebbe avvenire perché si tratta di uno spazio riservato per i valori restituiti dal flusso di lavoro chiamato di SharePoint Designer 2010 in fase di esecuzione.

Soluzione alternativa   Non usare la variabile __SharePoint 2010 Output: <nome_flusso_di_lavoro> se non cercandola come origine dati.

L'origine dati di output di SharePoint Designer 2010 dovrebbe essere eliminata se l'associazione viene modificata oppure se la frase dell'azione viene eliminata

Ogni volta che si modifica un parametro di associazione o del flusso di lavoro in Avvia flusso di lavoro, viene creata un'origine dati per recuperare i dati restituiti dal flusso di lavoro della versione 2010 chiamata. Quando si sceglie la stessa associazione o lo stesso flusso di lavoro, pertanto, ad esempio cancellando un'azione Avvia flusso di lavoro e aggiungendo di nuovo azione e parametro, il risultato sarà la presenza di più origini dati. L'uso della vecchia origine in altre parti del flusso di lavoro, tuttavia, causerà l'annullamento del flusso di lavoro.

Soluzione alternativa   Non usare una versione precedente di un'origine dati quando vengono create e sono disponibili nuove versioni con numero superiore.

I nomi di variabili locali di flussi di lavoro di SharePoint Designer 2010 non possono contenere caratteri speciali

Se si cerca una variabile locale di un flusso di lavoro di SharePoint Designer 2010 da un flusso di lavoro di SharePoint Designer 2013, se il nome della variabile locale del flusso di lavoro della versione 2010 contiene un carattere speciale (ad esempio, ? o #), tale carattere viene rappresentato come codice esadecimale.

Ciò avviene perché il flusso di lavoro della versione 2013 non consente l'uso di questi caratteri speciali nei nomi di variabile.

Soluzione alternativa   I dati rimangono intatti, ma vengono semplicemente visualizzati diversamente in fase di progettazione. È sufficiente essere a conoscenza del problema ed è possibile continuare a usare le variabili con caratteri speciali senza ulteriori interventi.

Il pacchetto del flusso di lavoro di SharePoint 2013 (WF4) causa errori al momento dell'attivazione della caratteristica se gli elenchi a cui si fa riferimento non esistono

Dopo aver distribuito la raccolta soluzioni e averla attivata, è necessario attivare la caratteristica del sito corrispondente. L'attivazione non riuscirà però, se gli elenchi a cui si fa riferimento non esistono.

Soluzione alternativa   Se l'attivazione del pacchetto non riesce nel sito di destinazione, è necessario controllare due cose.

  • Quali sono le conseguenze, se il pacchetto del flusso di lavoro viene distribuito in un sito in cui non esistono gli elenchi a cui fa riferimento il pacchetto?

L'attivazione della caratteristica del sito non riuscirà.

Il messaggio di errore non è molto dettagliato, ma controllando nel log ULS è possibile trovare alcune indicazioni come le seguenti:

"Convalida del codice XAML del flusso di lavoro non riuscita a causa degli errori seguenti: impossibile creare un 'ListId' dal testo '$ListId:Elenchi/Vacanze;"

In seguito all'errore di attivazione della caratteristica, tuttavia, la riattivazione della caratteristica potrebbe non riuscire di nuovo anche dopo la creazione degli elenchi necessari. La causa è una distribuzione incompleta della definizione del flusso di lavoro. È necessario eseguire le operazioni seguenti:

  1. Aprire SharePoint Designer ed eliminare la definizione del flusso di lavoro che ha causato errori durante l'attivazione della caratteristica.
  2. Disattivare la soluzione e rimuoverla.
  3. Caricare la soluzione e attivarla.
  4. Attivare la caratteristica del sito.
  • È necessario assicurarsi che gli URL relativi degli elenchi (ad esempio Elenchi/Vacanze) siano uguali. Anche se si crea un elenco con un determinato nome e quindi si cambia il nome, l'URL dell'elenco non cambierà perché è basato sul nome visualizzato originale. Per questo, anche se il pacchetto del flusso di lavoro è stato creato in base al nome aggiornato dell'elenco, il flusso di lavoro cercherà comunque un URL dell'elenco in base al nome precedente nel sito di destinazione. Quando si ricreano gli elenchi nel sito di destinazione, pertanto, è necessario assicurarsi di assegnare inizialmente agli elenchi il nome originale e non quello aggiornato. In questo modo, l'URL degli elenchi viene mantenuto. Dopo la creazione dell'elenco è possibile modificarne il nome.

Il flusso di lavoro viene annullato se il flusso di lavoro elenco/sito viene distribuito da un pacchetto di flusso di lavoro di SharePoint 2013 a un sito senza l'elenco Attività flusso di lavoro e Cronologia flusso di lavoro

Quando si distribuisce un pacchetto di flusso di lavoro elenco/sito, nel sito di destinazione devono esistere gli elenchi corretti Attività flusso di lavoro e Cronologia flusso di lavoro. Se nel server di destinazione non esistono gli elenchi Attività flusso di lavoro e Cronologia flusso di lavoro, potrebbe essere visualizzato un messaggio di errore quando si fa clic sul flusso di lavoro dalla pagina Impostazioni flusso di lavoro.

Soluzione alternativa   Ciò accade quando si distribuisce il flusso di lavoro in un server di destinazione in cui non sono mai stati creati in precedenza flussi di lavoro. Per risolvere il problema, è possibile creare e pubblicare un flusso di lavoro fittizio da SharePoint Designer per creare gli elenchi Attività flusso di lavoro e Cronologia flusso di lavoro e quindi aprire il flusso di lavoro distribuito da SharePoint Designer, modificare le impostazioni degli elenchi Attività flusso di lavoro e Cronologia flusso di lavoro e quindi ripubblicare il flusso di lavoro.

Problemi con le funzionalità Copia e Incolla nello strumento di progettazione dei flussi di lavoro basato su testo di SharePoint Designer 2013

Anche se si è tentato di rendere disponibili le funzionalità usate più di frequente nella maggior parte degli strumenti di modifica, esistono alcune limitazioni:

  • Non è possibile usare Annulla (CTRL+Z).
  • Non è possibile selezionare più oggetti con trascinamento della selezione.
  • Non è possibile spostare elementi selezionati facendo clic su di essi e trascinandoli.
  • Non è possibile usare MAIUSC+clic sinistro per selezionare più costrutti come Fase, Passaggio o Blocco parallelo, ma è possibile usare questa combinazione per selezioni multiple di azioni.
  • Non sono supportate operazioni di Copia/Incolla tra tipi di piattaforma diversi per i flussi di lavoro.
  • Gli Appunti non sono totalmente integrati con le operazioni Copia/Incolla per azioni del flusso di lavoro nello strumento di progettazione basato su testo, quindi il pulsante Incolla all'interno degli Appunti non funziona come previsto.
  • Non è possibile copiare e incollare contenuto con Desktop remoto, perché non sono supportate le operazioni di Copia/Incolla tra installazioni di SharePoint Designer con PID diversi.
  • Non è possibile usare il comando Incolla per l'azione Crea dizionario perché non vengono mantenute le proprietà.

Soluzione Per la maggior parte delle operazioni con mouse è possibile usare la tastiera in alternativa. Per altri problemi non esiste alcuna soluzione.

Il formato del modulo del flusso di lavoro è stato modificato da InfoPath ad ASPX

Per un flusso di lavoro basato su SharePoint Designer 2013 e Microsoft Azure Workflow, SharePoint Designer crea moduli ASPX invece dei moduli di InfoPath che vengono creati con i flussi di lavoro di SharePoint 2010. Se si vuole personalizzare il modulo, è possibile fare clic su di esso nella sezione dei moduli nella pagina di riepilogo del flusso di lavoro per visualizzare un editor generico di pagine ASPX.

Soluzione alternativa   Non è attualmente disponibile alcuna soluzione.

Non è possibile inserire azioni Processo attività quando sono in esecuzione due istanze di SharePoint Designer

Le azioni di flussi di lavoro di SharePoint Designer 2010, come Avvia il processo di approvazione e Avvia il processo Raccolta commenti e suggerimenti non possono essere inserite nello strumento di progettazione dei flussi di lavoro quando sono in esecuzione contemporaneamente due istanze di SharePoint Designer.

Soluzione alternativa   Usare una sola istanza di SharePoint Designer quando si utilizzano le azioni di flusso di lavoro di SharePoint Designer 2010.

Campi non supportati per la ricerca dai flussi di lavoro di SharePoint Designer

Alcuni campi negli elenchi e nelle raccolte documenti di SharePoint non sono supportati per la ricerca in SharePoint Designer 2013 e quando questi campi vengono letti dal flusso di lavoro, tale flusso di lavoro verrà annullato. Questi campi sono tutti di tipo Ricerca e perlopiù riferimenti all'elenco globale (nascosto). Alcuni campi sono campi di tipo Ricerca per i campi nello stesso elenco.

  • [Campi nell'elenco]
  • Autore app
  • Autore modifica app
  • ID client
  • Titolo discussione
  • Numero figli cartella
  • Conteggio figli elemento
  • Tipo di elemento
  • ID elemento padre
  • Percorso
  • Risposte
  • Ricerca ID indice tema più breve
  • Tipo ordinamento
  • Percorso URL
  • [Campi nella raccolta documenti]
  • Autore app
  • Commento archiviazione
  • ID client
  • Dimensioni file
  • Numero figli cartella
  • Conteggio figli elemento
  • Tipo di elemento
  • Percorso
  • Tipo ordinamento
  • Percorso URL
  • Stato virus

Soluzione alternativa   Eseguire una delle operazioni seguenti:

  • Usare l'azione Chiama servizio Web HTTP. Ad esempio: http://nome_sito/_api/Web/Lists/GetByTitle('nome_elenco')/Items(id_voce)/FieldValuesAsText?$select=nome_campo

dove nome_campo corrisponde alla proprietà EntityPropertyName dell'oggetto SPField

  • Chiamare i flussi di lavoro di SharePoint 2010 tramite l'azione Avvia flusso di lavoro dell'elenco/Avvia flusso di lavoro del sito.

Inizio pagina Inizio pagina

OneDrive for Business con SKU di Office Online (versione autonoma)

Nella barra di spostamento superiore non appare la scheda di spostamento di Yammer

L'amministratore tenant di OneDrive for Business visualizza solitamente Newsfeed o Yammer nella barra di spostamento superiore di Office 365. Tuttavia, con l'abbonamento alla versione autonoma di OneDrive for Business, queste schede non sono più visibili. La barra di spostamento superiore non viene visualizzata nemmeno quando il servizio Yammer.com è abilitato nella pagina dell'amministratore tenant.

Per impostazione predefinita, la versione autonoma di OneDrive for Business non include le schede di spostamento di Yammer o Newsfeed. Quando tuttavia si abilita il servizio Yammer.com come social network, sulla barra di spostamento superiore dovrebbe essere visibile il collegamento per l'accesso con un clic a Yammer, oltre al collegamento a OneDrive.

Soluzione alternativa    Se Yammer è stato abilitato come social network, è possibile passare direttamente a www.yammer.com e accedere con l'identità organizzativa di Office 365.

Inizio pagina Inizio pagina

 
 
Si applica a:
OneDrive for Business, SharePoint Server 2013 Enterprise