Gestire raccolte siti e impostazioni globali nell'interfaccia di amministrazione di SharePoint

L'amministratore di SharePoint Online può usare l'interfaccia di amministrazione di SharePoint per eseguire le operazioni seguenti:

  • Creare e gestire raccolte siti e allocare e monitorare lo spazio di archiviazione per la raccolta siti
  • Gestire autorizzazioni e utenti e aiutare a proteggere i contenuti dei siti
  • Gestire i profili utente e configurare i siti personali
  • Abilitare e configurare caratteristiche specifiche o impostazioni globali di SharePoint Online

La panoramica seguente include dettagli importanti da valutare durante la pianificazione del modo in cui creare, configurare e gestire l'ambiente di SharePoint Online.

Contenuto dell'articolo


Pianificare le raccolte siti da creare

Una raccolta siti è un gruppo di siti Web che condividono lo stesso proprietario e le stesse impostazioni di amministrazione, come le autorizzazioni. Quando si crea una raccolta siti, viene creato automaticamente un sito principale. È quindi possibile creare uno o più siti secondari all'interno del sito principale.

Diagramma gerarchico di una raccolta siti, che mostra un sito principale e i siti secondari.

I siti principali e i siti secondari consentono di applicare livelli di controllo diversi sulle caratteristiche e le impostazioni dei siti. L'utilizzo di questa struttura gerarchica consente agli utenti di disporre di un sito di lavoro principale per un intero team, nonché di singoli siti di lavoro e siti condivisi per progetti collaterali. È possibile creare raccolte siti separate per divisioni diverse o per siti Web esterni.

Le decisioni relative alla strutturazione delle raccolte siti dipendono dalle dimensioni dell'organizzazione e dalle relative esigenze aziendali. Se si determinano alcuni dettagli di base, ad esempio la finalità di una raccolta siti e gli utenti che devono essere autorizzati ad accedervi, sarà possibile stabilire in modo più semplice quale tipo di modello di sito usare, quanto spazio di archiviazione allocare e il numero di raccolte siti da creare. Se è necessario verificare i limiti di archiviazione o il numero di raccolte siti supportate per il piano, vedere SharePoint Online: limiti del software. Quando si è pronti, sarà possibile iniziare a creare le raccolte siti tramite l'interfaccia di amministrazione di SharePoint.

Elemento da determinare: Domanda:

Modelli di sito da usare

Quando si crea una raccolta siti, è possibile usare un modello di sito. I modelli di sito includono già elenchi, raccolte, pagine e altri elementi o altre caratteristiche specifici per il supporto delle diverse esigenze di un'organizzazione. Il modello può essere usato così com'è oppure personalizzato in base alle specifiche esigenze.

Ogni sito erediterà le proprietà dal modello scelto per la raccolta siti. È possibile usare più modelli di sito in una raccolta siti.

  • Quale tipo di contenuto verrà archiviato nei siti?
  • Il sito avrà finalità specifiche?
  • In che modo gli utenti devono interagire con il contenuto?

Numero di raccolte siti necessarie

Questa decisione viene influenzata dalle esigenze dell'organizzazione e dai limiti di archiviazione complessivi.

Alcuni tipi di siti, ad esempio Sito Web pubblico, Catalogo app, Centro ricerche o l'host di siti personali, esistono come raccolte siti autonome. È possibile che alcune raccolte siti vengano create automaticamente quando ci si iscrive a Office 365. Se l'organizzazione prevede altre finalità specializzate, potrebbero essere necessarie raccolte siti aggiuntive. Ad esempio, alcuni gruppi devono limitare l'accesso al contenuto.

  • Divisioni o gruppi con l'esigenza di mantenere separati i dati
  • Saranno necessarie raccolte siti diversi per finalità specializzate?
  • Si prevede di usare app per SharePoint e quindi di creare un sito di tipo Catalogo app?

Quantità di spazio di archiviazione necessario per ogni raccolta siti

Al momento dell'acquisto del servizio SharePoint Online, all'organizzazione viene assegnato un pool di spazio di archiviazione basato sul numero di licenze utente acquistate e sul tipo di piano di Office 365 acquistato. La quantità totale di spazio di archiviazione viene raggruppata in un pool in modo da poter stabilire quanto spazio di archiviazione assegnare a ogni raccolta siti, con un minimo di 50 MB.

Quando si assegna lo spazio di archiviazione a una nuova raccolta siti, sarà possibile visualizzare la quantità totale di spazio di archiviazione allocata all'organizzazione e la quantità di spazio di archiviazione rimasta per l'allocazione a nuove raccolte siti. La quantità di spazio di archiviazione impostata per una raccolta siti può essere sempre aumentata in seguito, se necessario. È possibile monitorare la quantità di spazio di archiviazione usata da ogni raccolta siti e di ricevere un avviso quando lo spazio di archiviazione usato da una raccolta siti sta per approssimarsi al limite di allocazione.

Se si nota che lo spazio di archiviazione rimanente per l'organizzazione sta per esaurirsi, è possibile procedere in tre modi:

  • Ridurre la quantità di contenuto nei siti di SharePoint Online
  • Eliminare una o più raccolte siti
  • Acquistare ulteriore spazio di archiviazione da Microsoft o dal provider

È importante monitorare la quantità di spazio usata e definire linee guida e criteri insieme agli amministratori di raccolte siti e ai proprietari di siti per quanto riguarda le eventuali limitazioni alle dimensioni dei file che potrebbe essere utile impostare nell'organizzazione.

Per altre informazioni, vedere Modificare le quote di archiviazione e di risorse del server per la raccolta siti.

  • Qual è il numero complessivo di raccolte siti necessarie previsto?
  • Quanto spazio di archiviazione è disponibile con la sottoscrizione?
  • I requisiti di archiviazione tra raccolte siti specifiche risultano superiori rispetto ai requisiti di altre raccolte, in base al tipo o al volume dei contenuti da archiviare?
  • Gli utenti del sito saranno autorizzati a creare siti del team personalizzati in una raccolta siti specifica? Per altre informazioni sull'abilitazione della creazione di siti, vedere Consentire agli utenti di creare siti del team personalizzati.

Necessità di supportare più lingue

La caratteristica MUI (Multilingual User Interface) consente agli utenti di visualizzare siti o pagine Web in una lingua diversa da quella predefinita impostata nel sito o nella raccolta siti. La caratteristica MUI non è uno strumento di traduzione, ma consente semplicemente di cambiare la lingua di visualizzazione per determinati elementi predefiniti dell'interfaccia utente.

La caratteristica MUI modifica l'interfaccia utente solo per singoli utenti, senza effetti sulla modalità di visualizzazione del sito per gli altri utenti. Inoltre, il contenuto del sito creato nella lingua predefinita del sito verrà comunque visualizzato nella lingua predefinita.

L'interfaccia MUI è abilitata per impostazione predefinita. Se deve essere usata in una raccolta siti, tuttavia, l'interfaccia MUI dovrà essere abilitata dall'amministratore della raccolta siti. L'amministratore e i proprietari di siti devono decidere in anticipo la lingua predefinita da usare per la raccolta siti e i siti, perché dopo l'impostazione non potrà essere cambiata. Dopo aver creato una raccolta siti, è importante verificare che le impostazioni locali e internazionali del sito siano accurate. Quando si creano siti in francese, ad esempio, le impostazioni locali verranno sempre impostate su Francia anche se ci si trova in Canada. Per questo motivo, indipendentemente dalla lingua scelta, è consigliabile verificare che le impostazioni internazionali e quelle locali siano appropriate per la località in cui ci si trova.

Per altre informazioni sui siti multilingui, vedere Introduzione alle caratteristiche multilingui.

  • È necessario creare raccolte siti in lingue specifiche?

Necessità di usare il sito Web pubblico per creare un sito esposto a Internet

Per altre informazioni sulla pianificazione del sito Web pubblico, incluse informazioni sull'utilizzo di un dominio personalizzato, vedere l'articolo Pianificare il sito Web pubblico della Guida alla pianificazione di SharePoint Online.

  • Si dispone già di un sito Web esposto a Internet o si vuole usare il sito creato automaticamente in SharePoint Online?

Inizio pagina Inizio pagina

Pianificare per assicurare la gestibilità delle raccolte siti

Il termine governance indica l'insieme di regole, ruoli, responsabilità e processi che guidano, indirizzano e controllano la collaborazione in un'organizzazione per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Questi obiettivi sono incentrati sui servizi forniti e sulla gestione della proprietà intellettuale creata dai dipendenti. Durante la pianificazione delle raccolte siti è consigliabile definire un piano anche per regolamentarne l'utilizzo.

Per stabilire come strutturare le raccolte siti e regolamentarne l'uso, tenere conto delle considerazioni seguenti.

Risultato desiderato: Domanda:
Una raccolta siti efficace costituita da singole persone e team che condividono obiettivi comuni. Contributo della struttura delle raccolte siti alla efficacia dell'organizzazione
Un sito sicuro aperto a coloro che devono disporre delle informazioni, ma nel quale le informazioni sono bloccate per coloro che non devono vederle. La struttura consente all'architettura delle informazioni di soddisfare requisiti legali, esigenze a livello di privacy e obiettivi per la sicurezza
Un modello di autorizzazioni che consente l'accesso in lettura, in scrittura o per entrambe le operazioni. Tipo di accesso al contenuto necessario per gli utenti
Assegnazione di autorizzazioni per gli utenti esterni solo nelle raccolte siti in cui è necessario. Per altre informazioni su come consentire l'accesso ai siti a utenti esterni, vedere Condividere un sito con utenti esterni nella Guida di SharePoint Online. Necessità di consentire l'accesso a utenti dall'esterno della società
Un piano gestito per garantire l'adeguata manutenzione dei siti. Utenti che saranno autorizzati a creare e gestire siti nella raccolta siti
Posizioni per azioni ed applicazioni specifiche, come soluzioni in modalità sandbox. Caratteristiche e funzionalità da abilitare per gli utenti
Una raccolta siti nella quale il contenuto sia utile per coloro che condividono il sito. Contenuto nei risultati di ricerca rilevante per coloro che condividono la raccolta siti
Una soluzione gestibile e facile da aggiornare. Livello di personalizzazione consentito

Eliminare e ripristinare raccolte siti

L'amministratore di SharePoint sarà anche in grado di ripristinare raccolte siti eliminate. Il Cestino consente di ripristinare le raccolte siti eliminate, purché non siano rimaste nel cestino per più di 90 giorni. Dopo una permanenza di 90 giorni nel Cestino, una raccolta siti viene eliminata automaticamente in modo definitivo. Il Cestino offre il tempo necessario per verificare che la raccolta siti non contenga dati di cui l'organizzazione necessita. Per altre informazioni, vedere Ripristinare una raccolta siti eliminata.

Inizio pagina Inizio pagina

Gestire le autorizzazioni e aiutare a proteggere il contenuto

Contenuto della sezione:

Gestire gli amministratori della raccolta siti

L'amministrazione dei servizi di SharePoint Online include tre ruoli amministrativi:

  • Amministratore globale    Amministratore del portale di Office 365. Può gestire licenze per i servizi, utenti e gruppi, domini e servizi sottoscritti. In Office 365 un amministratore globale è anche un amministratore di SharePoint Online.
  • Amministratore di SharePoint    Amministratore globale, il cui compito principale consiste nel gestire un ambiente di SharePoint Online tramite l'interfaccia di amministrazione di SharePoint. È in grado di creare e gestire raccolte siti, designare amministratori di raccolte siti, determinare le impostazioni del tenant e configurare Servizi di integrazione applicativa e il servizio di archiviazione sicura, InfoPath Forms Services, Gestione record, Ricerca e i profili utente.
  • Amministratore della raccolta siti    Utente con autorizzazioni di amministratore per la gestione di una raccolta siti. Una raccolta siti può avere più amministratori, ma solo un amministratore principale. Durante la creazione di una raccolta siti, l'amministratore di SharePoint Online deve assegnare autorizzazioni all'amministratore principale della raccolta siti e potrà aggiungere altri amministratori per la raccolta siti in un secondo momento.

Durante la creazione di una raccolta siti in SharePoint Online, un amministratore globale o un amministratore di SharePoint designa un amministratore principale di raccolta siti. È consigliabile designare uno o più amministratori di raccolta siti come backup e configurare un amministratore globale secondario in Office 365.

Per altre informazioni, vedere Gestire gli amministratori per una raccolta siti.

Inizio pagina Inizio pagina

Consentire l'accesso ai siti interni da parte di utenti esterni

SharePoint Online consente agli utenti del sito di invitare utenti esterni, ovvero utenti privi di licenza per la sottoscrizione a Office 365, per la visualizzazione o la modifica di contenuti nei siti. Per informazioni su quali tipi di utenti sono qualificati come utenti esterni e sui diritti degli utenti esterni, vedere Gestire la condivisione esterna per l'ambiente di SharePoint Online. La condivisione esterna è una caratteristica avanzata per la collaborazione che può supportare le necessità di collaborazione dell'organizzazione con fornitori, clienti o distributori esterni. È tuttavia importante gestire la condivisione esterna con molta attenzione, per assicurare la protezione di eventuali contenuti che non si vuole condividere.

Gli utenti possono condividere i contenuti dei siti con utenti esterni all'organizzazione in tre modi:

La a condivisione esterna è abilitata per impostazione predefinita per l'ambiente di SharePoint Online (tenant) e per le raccolte siti. È possibile disabilitarla a livello globale prima che gli utenti comincino a usare i siti o fino a che non si decide la modalità esatta di utilizzo della caratteristica. È possibile che si voglia consentire la condivisione esterna per raccolte siti specifiche, lasciandola tuttavia disattivata per raccolte siti in cui verrà archiviato contenuto riservato per l'organizzazione. È consigliabile valutare con attenzione le raccolte siti in cui abilitare la condivisione esterna e il livello di condivisione esterna consentito.

È possibile configurare la condivisione esterna su due livelli all'interno dell'interfaccia di amministrazione di SharePoint:

  1. È possibile abilitare o disabilitare la condivisione esterna a livello globale per l'intero ambiente di SharePoint Online (o tenant).   Inoltre, se si abilita la condivisione esterna, è possibile specificare se consentire la condivisione solo con gli utenti autenticati, o se consentire agli utenti di condividere contenuto sia con gli utenti autenticati che con utenti anonimi mediante collegamenti guest.
  2. È possibile abilitare o disabilitare la condivisione esterna per raccolte siti individuali   In questo modo si protegge il contenuto di raccolte siti specifiche che non si vogliono condividere. È inoltre possibile specificare il livello di condivisione da consentire in una raccolta siti (condivisione con utenti autenticati soltanto o condivisione con utenti autenticati e utenti anonimi mediante collegamenti guest.)

Per altre informazioni sull'abilitazione e sulla gestione della condivisione esterna, vedere Gestire la condivisione esterna per l'ambiente di SharePoint online. Per informazioni sulle modalità di condivisione di contenuto da parte degli utenti, vedere Condividere siti e documenti con persone esterne all'organizzazione.

Proteggere il contenuto tramite Information Rights Management (IRM)

IRM di SharePoint Online usa Active Directory Rights Management Services (RMS) di Microsoft Azure, una tecnologia di protezione delle informazioni integrata in Office 365. La protezione IRM (Information Rights Management) viene applicata ai file in elenchi o raccolte SharePoint. Per altre informazioni, vedere l'articolo Che cos'è Microsoft Azure Active Directory Rights Management?

Dopo l'abilitazione di IRM per un elenco o una raccolta, i file vengono crittografati, in modo che solo gli utenti autorizzati possano visualizzarli o possano eseguirvi azioni specifiche. Ogni file protetto da Microsoft Rights Management include anche una licenza di pubblicazione che impone limitazioni sugli utenti da cui viene visualizzato. Le limitazioni includono in genere l'impostazione di un file come di sola lettura, la disattivazione della copia di testo, nonché operazioni con cui si impedisce agli utenti di salvare una copia locale e di stampare il file. Per applicare tali limitazioni, i programmi client che consentono di leggere file di tipi supportati da IRM usano la licenza di pubblicazione all'interno del file protetto da Microsoft Rights Management. In questo modo, un file i cui diritti sono gestiti da IRM rimane protetto anche dopo essere stato scaricato dal server.

Per impostazione predefinita, IRM è disabilitato quando ci si iscrive a Office 365. Prima di attivare il servizio IRM tramite l'interfaccia di amministrazione di SharePoint, è necessario che l'amministratore globale di Office 365 installi il modulo di Windows PowerShell per Rights Management e quindi effettui la connessione al servizio Rights Management. Per altre informazioni, vedere Configurare Information Rights Management (IRM) in SharePoint Online e Applicare Information Rights Management a un elenco o a una raccolta.

Inizio pagina Inizio pagina

Abilitare i siti personali e le caratteristiche di social networking

Un profilo utente è una raccolta di proprietà che caratterizza un utente di SharePoint. Le caratteristiche quali Siti personali e Ricerca utenti usano i profili utente per offrire un'esperienza avanzata e personalizzata agli utenti dell'organizzazione. Poiché molte caratteristiche di social networking si basano sui profili utente, la configurazione dei profili utente è associata alla configurazione di tali caratteristiche.

Contenuto della sezione:

Gestire i profili utente e pianificare eventuali proprietà e criteri personalizzati dei profili

Quando viene creato un account utente in Office 365, un amministratore può immettere manualmente informazioni dettagliate sull'utente, ad esempio la posizione, il reparto, i numeri di telefono e altre proprietà visualizzate nell'Elenco indirizzi globale di Office 365. In alternativa, un amministratore può usare lo strumento di sincronizzazione della directory dei Microsoft Online Services per replicare gli account utente di Active Directory e altri oggetti di Active Directory in Office 365. Queste informazioni vengono inserite nel profilo di un utente di SharePoint Online.

Indipendentemente dall'immissione manuale di informazioni relative al profilo utente nel servizio directory di Office 365 o la sincronizzazione con Active Directory, se è necessario aggiungere informazioni specifiche ai profili utente, ma non è disponibile alcun campo corrispondente, sarà possibile provare a creare una proprietà del profilo utente di SharePoint Online. È inoltre possibile definire i criteri relativi al comportamento di tali proprietà.

Le proprietà aggiuntive per i profili utente possono migliorare l'esperienza di SharePoint a livello di social networking per l'organizzazione, ottimizzando ad esempio la ricerca di utenti e i suggerimenti. Ad esempio, si può creare una proprietà di profilo utente per i progetti correnti su cui sta lavorando un dipendente, per consentire agli altri utenti di trovare esperti in una materia specifica.

Occorre ricordare che queste proprietà sono specifiche di SharePoint Online e che queste informazioni non verranno replicate negli account di Office 365 dell'organizzazione. I servizi di Office 365, ad esempio Exchange Online o Lync Online, non saranno pertanto in grado di visualizzare tali informazioni, poiché non verranno aggiunte all'Elenco indirizzi globale.

Durante la pianificazione dei profili utente, sarà possibile iniziare con la valutazione delle esigenze dell'organizzazione a livello di collaborazione, prendendo in considerazione le risposte alle domande seguenti. Per limitare l'ambito della pianificazione, concentrarsi sull'aggiunta di proprietà che consentono di soddisfare esigenze aziendali importanti oppure di realizzare scenari particolari per ogni raccolta siti. Se una proprietà rilevante non risulta utile per scenari specifici, attendere che un'esigenza specifica venga individuata durante il normale uso dei siti anziché pianificare l'aggiunta di una proprietà solo perché si ritiene che potrebbe essere necessaria in futuro. È possibile che non sia necessario aggiungere alcuna proprietà nuova.

Elemento da determinare: Domanda:
Proprietà da usare per i profili utente di base. Le proprietà risultano importanti per la ricerca di utenti, la creazione di destinatari da usare per l'assegnazione di contenuto e la definizione di relazioni tra colleghi e gruppi di lavoro. Le proprietà predefinite del profilo utenti sono sufficienti per le esigenze dell'organizzazione?
Modalità di compilazione delle informazioni da parte degli utenti e utenti abilitati alla visualizzazione delle informazioni. Se si creano nuove proprietà, quali criteri devono essere applicate a tali proprietà?
Necessità di una tassonomia coerente per consentire al servizio di ricerca di SharePoint di associare e individuare gli utenti. Ad esempio, si supponga che venga creata una proprietà del profilo con nome “Fammi domande su”. In questa proprietà si desidera gestire ciò che gli utenti possono immettere nel campo. Se si consente l'immissione di valori personalizzati, è possibile che il contenuto immesso sia diverso dal contenuto cercato da altri utenti. In questo caso, è possibile che si desideri creare un set di termini che specifichi le opzioni disponibili all'utente per completare queste informazioni.

Necessità di creare un set di termini per offrire agli utenti un set di opzioni per il completamento di una nuova proprietà del profilo

Per altre informazioni sui set di termini, vedere Introduzione ai metadati gestiti.


 Note 

  • Mentre lo Strumento di sincronizzazione della directory (DirSync) consente di eseguire la migrazione dei profili utente di Active Directory e di sincronizzarli con SharePoint Online, le informazioni di Active Directory vanno in una sola direzione, ovvero dalla distribuzione locale di Active Directory a SharePoint Online. In tal modo si garantisce che le informazioni utente in SharePoint Online rispecchiano lo stato più aggiornato e accurato dei dati utente in Active Directory. Per altre informazioni sul servizio directory di Office 365, vedere Sincronizzazione Active Directory in Office 365.
  • Quando i profili utente vengono sincronizzati da Active Directory, è anche possibile sincronizzare i gruppi di Active Directory. La sincronizzazione dei gruppi consente a SharePoint Online di disporre di informazioni su quali utenti sono membri dei vari gruppi.
  • Se l'amministratore di Active Directory ha creato attributi personalizzati in Active Directory, tali informazioni non verranno mappate alle proprietà predefinite di Office 365 e non verranno sincronizzate.

Per altre informazioni sulla gestione dei profili utente, vedere Gestire i profili utente in SharePoint Online.

Inizio pagina Inizio pagina

Visualizzare contenuto personalizzato agli utenti tramite l'assegnazione di gruppi di destinatari

I gruppi di destinatari di SharePoint consentono di visualizzare contenuto agli utenti in base al loro ruolo professionale o alle attività di cui sono responsabili. È possibile definire i gruppi di destinatari in base a uno o più elementi in combinazione: appartenenza a una lista di distribuzione, a un gruppo di sicurezza di Windows, a un gruppo di SharePoint, ruolo nell'organizzazione oppure proprietà pubbliche nei profili utente. È possibile assegnare il contenuto ai gruppi di destinatari per collegamenti di spostamento, voci di un elenco, elementi di una raccolta e web part.

Prima di creare gruppi di destinatari a cui assegnare il contenuto, è consigliabile collaborare con gli amministratori delle raccolte siti e i proprietari di raccolte siti, per determinare gli elementi del sito che verranno usati nei rispettivi siti. Ciò consentirà di determinare più facilmente in che modo gli utenti interagiranno con i diversi siti e come usare l'assegnazione di contenuto.

Dopo aver definito i gruppi di destinatari, è possibile usarli in vari modi per l'assegnazione del contenuto. Nel caso delle applicazioni di Microsoft Office 2013, ad esempio, è possibile definire i collegamenti visualizzati in Salva con nome > Cartelle recenti di SharePoint e impostare i gruppi di destinatari per cui è visibile ogni collegamento. Per i siti personali è possibile impostare i gruppi di destinatari per i collegamenti per gli spostamenti dei siti visualizzati nella barra dei collegamenti superiore. In un ambiente in cui sono configurati gruppi di destinatari, gli amministratori dei siti possono usare web part per l'assegnazione del contenuto in base al gruppo di destinatario.

Per la pianificazione dei gruppi di destinatari, l'obiettivo consigliato è individuare il set più piccolo possibile di gruppi di destinatari chiave in base alle esigenze dell'organizzazione.

I gruppi di destinatari di SharePoint Online sono diversi dalle autorizzazioni di SharePoint. Se si vuole disabilitare l'accesso di un utente a un sito, una raccolta documenti o un documento specifico, sarà possibile ottenere tale risultato tramite la configurazione delle autorizzazioni. Per altre informazioni sulla pianificazione specifica, vedere Pianificare la strategia di gestione delle autorizzazioni.

Per altre informazioni sulla gestione dei gruppi di destinatari, vedere Gestire i gruppi di destinatari per i profili utente in SharePoint Online.

Inizio pagina Inizio pagina

Configurare siti personali per gli utenti

I siti personali offrono una vasta gamma di caratteristiche di social networking e la collaborazione per ogni membro dell'organizzazione. Tramite i siti personali gli utenti di Office 365 ottengono inoltre una posizione centrale in cui archiviare, condividere e registrare le informazioni di loro interesse. Gli utenti possono accedere ai siti personali facendo clic su Siti nella parte superiore del sito di SharePoint. Dopo la creazione della raccolta siti Sito personale, se si fa clic su Newsfeed o OneDrive, verranno visualizzate posizioni di siti personali diverse. Se inoltre si fa clic sul nome utente nell'angolo superiore destro di ogni pagina e si seleziona Dettagli personali, si verrà indirizzati alla pagina del sito personale che illustra le attività del proprietario del sito personale.

L'amministratore di SharePoint Online può personalizzare il contenuto del sito personale per ogni utente delle organizzazioni e può abilitare criteri specifici per la protezione della privacy.

Per impostazione predefinita, i siti personali sono costituiti da tre elementi principali:

  • Newsfeed personale è la pagina di destinazione predefinita e include un feed di attività recenti correlati ai colleghi e agli interessi specificati dell'utente. Gli utenti possono personalizzare i propri newsfeed selezionando colleghi da seguire, specificando interessi e configurando i tipi di attività che vogliono seguire.
  • La pagina relativa ai contenuti personali di OneDrive for Business è una pagina web part che visualizza i contenuti archiviati da un utente nel sito personale.
  • Siti personali è una pagina contenente collegamenti a siti che gli utenti hanno deciso di seguire e collegamenti a siti suggeriti.
  • Dettagli personali mostra la pagina del profilo di un utente ad altri utenti dell'organizzazione. In questa pagina gli utenti possono condividere le proprie competenze, le proprie immagini del profilo e così via. Benché le pagine relative al newsfeed personale e ai contenuti personali di OneDrive for Business siano disponibili solo per l'utente specifico, quando un utente e altri utenti dell'organizzazione accedono al sito personale di un utente, verrà visualizzata la pagina Profilo personale.

Per una pianificazione efficace dei siti personali, un amministratore di SharePoint Online deve determinare la quota necessaria per i siti personali. L'amministratore di SharePoint Online può anche specificare informazioni di configurazione importanti, ad esempio le posizioni host attendibili, il Centro ricerche preferito, gli account o i gruppi che disporranno di autorizzazioni di lettura per i siti personali e altre impostazioni relative a privacy e sicurezza, disponibili in profili utente nell'interfaccia di amministrazione di SharePoint. L'amministratore di SharePoint Online controlla inoltre le proprietà del profilo utente visualizzate nelle pagine del profilo degli utenti dei siti personali.

Gli amministratori delle raccolte siti o i proprietari dei siti possono determinare se la caratteristica Feed sito, disponibile nei siti del team, verrà attivata per un sito. Se si attiva tale caratteristica, verranno creati un newsfeed e un microfeed specifici per il sito, che potranno essere letti nel sito o seguiti da un sito personale.

Inizio pagina Inizio pagina

Nella tabella seguente sono disponibili indicazioni relative alle autorizzazioni per le caratteristiche di social networking:

Autorizzazione Indicazioni
Creazione sito personale Per impostazione predefinita, tutti gli utenti autenticati possono creare un sito Web personale. Verificare che sia appropriato applicare l'impostazione predefinita all'organizzazione. In alternativa, è possibile usare uno o più gruppi di sicurezza per concedere l'autorizzazione Creazione sito personale a un sottoinsieme di utenti in un'organizzazione.
Usa caratteristiche di social networking Per impostazione predefinita, tutti gli utenti autenticati possono aggiungere valutazioni e tag di social networking ai documenti, ad altri elementi di SharePoint Online, nonché per altri elementi come le pagine Web esterne e i post di blog. Gli utenti possono anche aggiungere note immediate nelle pagine del profilo di un sito Web personale o in qualsiasi pagina di SharePoint Online. In alternativa, è possibile usare uno o più gruppi di sicurezza per concedere l'autorizzazione Usa caratteristiche di social networking a un sottoinsieme di utenti in un'organizzazione.
Utilizzo caratteristiche personali Per impostazione predefinita, tutti gli utenti autenticati possono modificare il profilo personale, aggiungere o modificare colleghi e aggiungere o modificare appartenenze. In alternativa, è possibile usare uno o più gruppi di sicurezza per concedere l'autorizzazione Utilizzo caratteristiche personali a un sottoinsieme di utenti in un'organizzazione.

Considerazione particolare

Le caratteristiche dei siti personali per le quali sono necessarie considerazioni particolari includono le seguenti:

  • Newsfeed   Per impostazione predefinita, questa caratteristica è abilitata in modo che gli utenti del sito possano seguire le attività dei colleghi nella pagina Newsfeed dei relativi siti personali. Gli utenti possono solo visualizzare le attività nel newsfeed per le quali dispongono delle autorizzazioni. Durante la pianificazione dei siti personali è opportuno valutare le implicazioni a livello di privacy di questa caratteristica e implementare le misure di tutela necessarie a seconda dei requisiti specifici.
  • Strumento per tag e note    Lo strumento per l'aggiunta di tag e note può essere attivato o disattivato nell'interfaccia di amministrazione di SharePoint Online tramite l'impostazione dell'autorizzazione Usa i tag e le note. Questa impostazione è valida per tutti gli utenti che dispongono dell'autorizzazione Usa i tag e le note.

Per altre informazioni sulla gestione dei siti personali, vedere Gestire le impostazioni dei siti personali per SharePoint Online. Per informazioni su come personalizzare l'host del sito personale, che controlla l'aspetto e il comportamento delle pagine di newsfeed e di profilo usate per i siti personali nell'organizzazione, vedere Personalizzare l'host dei siti personali.

Inizio pagina Inizio pagina

Valutare le esigenze aziendali per semplificare la pianificazione delle configurazioni future

L'interfaccia di amministrazione di SharePoint consente di configurare o gestire globalmente alcune caratteristiche. Per agevolare la pianificazione di tempo e risorse, è utile verificare se l'organizzazione necessita di una caratteristica specifica per le attività professionali. Questo passaggio permetterà di determinare se è necessario rivolgersi a esperti in materia dell'organizzazione, in modo che collaborino con il personale amministrativo alla pianificazione della configurazione di tali caratteristiche. Ad esempio, per recuperare i requisiti necessari per la configurazione di caratteristiche quali Archivio termini o di caratteristiche di Gestione record quali Content Organizer, potrebbe essere necessario rivolgersi agli utenti dell'organizzazione responsabili per la tassonomia aziendale, la gestione dei record o la gestione del contenuto.

Necessità effettiva delle capacità specifiche Per altre informazioni sulla configurazione specifica, vedere:
I responsabili della progettazione dei siti vogliono poter creare e pubblicare moduli abilitati per il browser che possano essere compilati dagli utenti del sito.

InfoPath Forms Services consente il rendering di moduli nel Web browser ed è disponibile per piani di tipo E3 ed E4 di Office 365.

È necessario usare dati aziendali archiviati in applicazioni esterne e si vuole essere in grado di integrare tali dati nei siti di SharePoint Online.

È possibile usare i Servizi di integrazione applicativa per connettersi a origini dati quali database di SQL Azure o servizi Web di Windows Communication Foundation (WCF).

Si vogliono creare e usare tassonomie per classificare e organizzare le informazioni nei siti.

È possibile usare lo strumento di gestione archivio termini per creare, importare e gestire raccolte gerarchiche di termini gestiti centralmente, definiti set di termini.

È necessario eseguire il routing automatico di contenuti a posizioni specifiche sulla base dei criteri per la gestione dei record o dei documenti.
È necessario configurare la ricerca per l'ambiente di SharePoint Online.
Si vuole offrire agli utenti la possibilità di individuare e installare app aziendali sviluppate internamente o app di terze parti per personalizzare ed estendere i siti.
Si vuole creare un Centro eDiscovery per la gestione di contenuto che potrebbe fare parte di richieste di tipo eDiscovery in indagini, verifiche o procedimenti legali.

Un Centro eDiscovery è una raccolta siti, da creare nell'interfaccia di amministrazione di SharePoint. Il modello del Centro eDiscovery è disponibile nella scheda Organizzazione della finestra di dialogo per la creazione di una nuova raccolta siti. Nella raccolta siti Centro eDiscovery viene creato un sito per ogni nuovo procedimento.

Inizio pagina Inizio pagina

Valutare le soluzioni partner

Nell'ambito della pianificazione è opportuno stabilire se l'organizzazione ha esigenze aziendali specifiche che potrebbero richiedere l'utilizzo di servizi o applicazioni di terze parti per la personalizzazione di SharePoint Online. È possibile, ad esempio, che l'organizzazione abbia la necessità di eseguire la migrazione di volumi elevati di contenuto o di un numero consistente di utenti nel sito di SharePoint Online oppure potrebbero esistere processi aziendali che richiedono il supporto di elenchi abilitati per la posta elettronica. Se si ritiene che l'organizzazione possa trarre vantaggio da servizi o applicazioni di terze parti, è consigliabile esplorare l'offerta di servizi e applicazioni professionali dei partner Microsoft nel sito Microsoft Office 365 Marketplace. È possibile usare questo sito per trovare esperti in grado di offrire consulenza per l'implementazione nel cloud o per l'adattamento di Microsoft Office 365 agli specifici requisiti aziendali. È consigliabile cercare ed esplorare i servizi e le soluzioni di terze parti disponibili nelle fasi iniziali del processo di pianificazione.

Inizio pagina Inizio pagina

Torna a Guida alla pianificazione di SharePoint Online per Office 365 Enterprise e Midsize.

 
 
Si applica a:
Interfaccia di amministrazione di SharePoint, SharePoint Online Enterprise (E3 ed E4), SharePoint Online Midsize Business, SharePoint Online per aziende (E1 & E2)