CONFRONTA

Restituisce la posizione relativa di un elemento in una matrice (matrice: Utilizzata per definire singole formule che producono più risultati o che operano su un gruppo di argomenti disposti in righe e colonne. Un intervallo di matrice condivide una formula comune, una costante di matrice è invece un gruppo di costanti utilizzato come argomento.) che corrisponde a un valore specificato in un ordine particolare. Utilizzare la funzione CONFRONTA invece di una delle sintassi della funzione CERCA quando è necessario determinare la posizione di un elemento all'interno di un intervallo piuttosto che l'elemento stesso.

Sintassi

CONFRONTA(valore;matrice;corrisp)

Valore     è il valore utilizzato per ricercare il valore desiderato all'interno di una tabella.

  • Valore è il valore del quale si desidera trovare il corrispondente in matrice. Ad esempio, se si ricerca il numero di telefono di una persona in una rubrica, si utilizza il nome della persona come valore di ricerca, ma il valore desiderato è il numero di telefono.
  • Valore può essere un valore numerico, di testo o logico oppure un riferimento di cella a un numero, a del testo o a un valore logico.

Matrice     è un intervallo contiguo di celle adiacenti che contengono i possibili valori da ricercare. Matrice deve essere una matrice o un riferimento di matrice.

Corrisp     è il numero -1, 0 o 1. Corrisp specifica il modo in cui Microsoft Excel deve confrontare valore con i valori contenuti in matrice.

  • Se corrisp è 1, CONFRONTA troverà il valore più grande che è minore o uguale a valore. È necessario che i valori in matrice siano disposti in ordine crescente: ...-2; -1; 0; 1; 2;...A-Z; FALSO; VERO.
  • Se corrisp è 0, CONFRONTA troverà il primo valore che corrisponde esattamente a valore. I valori in matrice possono essere disposti in qualsiasi ordine.
  • Se corrisp è -1, CONFRONTA troverà il valore più piccolo che è maggiore o uguale a valore. È necessario che i valori di matrice siano disposti in ordine decrescente: VERO; FALSO; Z-A;...2; 1; 0; -1; -2;... e così via.
  • Se corrisp è omesso, verrà considerato uguale a 1.

Osservazioni

  • CONFRONTA restituisce la posizione del valore confrontato all'interno di matrice, non il valore stesso. La formula CONFRONTA("b";{"a";"b";"c"};0), ad esempio, restituisce 2, la posizione relativa di "b" all'interno della matrice {"a";"b";"c"}.
  • La funzione CONFRONTA non rileva le maiuscole.
  • Se CONFRONTA non riesce a trovare un valore corrispondente, restituirà il valore di errore #N/D.
  • Se corrisp è 0 e valore è del testo, valore potrà contenere i caratteri jolly asterisco (*) e punto interrogativo (?). L'asterisco rappresenta una sequenza di caratteri qualsiasi, mentre il punto interrogativo rappresenta un singolo carattere.

Esempio

L'esempio può essere più semplice da comprendere se lo si copia in un foglio di lavoro vuoto.

MostraProcedura

  1. Creare una cartella di lavoro o un foglio di lavoro vuoto.
  2. Selezionare l'esempio nell'argomento della Guida. Non selezionare le intestazioni della riga o della colonna. 

Selezionare un esempio dalla Guida

Selezionare un esempio dalla Guida
  1. Premere CTRL+C.
  2. Nel foglio di lavoro, selezionare la cella A1 e premere CTRL+V.
  3. Per passare dalla visualizzazione dei risultati alla visualizzazione delle formule che calcolano il risultato, premere CTRL+MAIUSC+8 oppure scegliere Verifica formule dal menu Strumenti, quindi fare clic su Modalità Verifica formule.
 
1
2
3
4
5
A B
Prodotto Totale
Banane 25
Arance 38
Mele 40
Pere 41
Formula Descrizione (risultato)
=CONFRONTA(39;B2:B5;1) Poiché non vi è una corrispondenza esatta, viene restituita la posizione del valore successivo più piccolo (38) nell'intervallo B2:B5. (2)
=CONFRONTA(41;B2:B5;0) La posizione di 41 nell'intervallo B2:B5. (4)
=CONFRONTA(40;B2:B5;-1) Restituisce un errore perché l'intervallo B2:B5 non è in ordine decrescente. (#N/D)
 
 
Si applica a:
Excel 2003